Digital Life

Path trasforma il social in un personal network

50 amici sono più che sufficienti.

Quanti amici hai su Facebook? Io sto per arrivare a quota cinquecento. Interagisco solo con una minima parte di loro, e solo una minima parte dei miei contatti interagisce con me. Path limita il numero dei tuoi amici a una cerchia ristretta… solo cinquanta. A te la scelta!

“Personal network per restare sempre in contatto solo con chi conta davvero per te”

Numero di Dunbar - Ti sei mai chiesto perché non trovi il tempo di passare sulla bacheca di tutti, almeno una volta ogni tanto. No, non sei asociale: secondo l’antropologo Robin Dunbar esiste un limite al numero di interazioni e relazioni che possiamo intrattenere. Te ne sarai accorto da solo: c’è un ristrettissimo numero di amici in cui riponi la tua totale fiducia, una decina di persone su cui sai di poter contare e, allarga e allarga, puoi arrivare fino a un massimo di 150 contatti, tra familiari, amici e conoscenti, con cui ti senti a tuo agio. Path riduce questo numero a 50 e ci obbliga a scegliere. Un personal network, insomma.

Smart network - Path è nato come applicazione per iPhone e iPad, ma puoi usarlo anche dal browser del tuo computer con funzionalità limitate. È poi uscita la versione per Android. Lo scambio con i 50 amici più stretti è per lo più limitato alla condivisione di fotografie che possono essere geolocalizzate e dotate di tag. Una sorta di album fotografico che dovrebbe raccontare la nostra vita quotidiana attraverso le immagini scattate con i nostri telefonini. In una rete sempre più veloce, sembrano aumentare il valore dei ricordi e della memoria. Niente commenti, niente mi piace, ma un’attenzione particolare alla feature più sfruttata, soprattutto tra i più giovani, anche su Facebook: niente parole, ma tante immagini. Più immediate, anche nel dare un’idea dei momenti salienti, ma anche no, della nostra vita.

È arrivato in Italia - Path, lanciato inizialmente solo sull’App Store statunitense, è ora disponibile anche in Italia. Le recensioni degli utenti che lo stanno usando sono entusiastiche, sia per come funziona sia per le sensazioni suscitate dall’utilizzo del personal network. “Il social network come l’ho sempre desiderato”, “Più intimo e familiare di Facebook”. Avrà successo o, nonostante le teorie che ci vedono animali sociali ma non troppo, continueremo a preferire il piccolo bagno di popolarità che il social di Zuckerberg ci concede? La strada è ancora lunga per Path. Dove porterà, lo scopriremo tra qualche tempo. Magari quando verranno risolti gli ultimi bug che lo rendono incompatibile per chi non abbia potuto, o ancora voluto, aggiornare il proprio iPhone, o iPad, a iOS 5.

(sp)

Chiara Reali

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Path personal network solo per 50 amici

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

8 gennaio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us