Digital Life

Obbligo del consenso esplicito

Google teme per il futuro di AdSense.

Quante volte avete letto, mentre facevate una ricerca su Google o mentre navigavate su un semplice sito, delle pubblicità strettamente connesse ai vostri interessi? Le piattaforme di pubblicità, tra tutte AdSense, analizzano automaticamente i vostri comportamenti di navigazione e inviano pubblicità che ben si accorda ai vostri gusti. Tutto ciò, oggi, accade senza il vostro esplicito consenso. Ma Rick Boucher, membro del congresso degli Stati Uniti, da diversi mesi si batte per introdurre pesanti regolamentazioni.

Al momento, infatti, si usa una politica "opt-out": l'utente che non vuole che i suoi dati vengano analizzati può negare il suo consenso, che si considera altrimenti accordato a priori. Boucher preme invece per l'introduzione di una politica di tipo "opt-in": gli utenti devono dare esplicito consenso prima che sia fatto un qualsiasi uso dei loro dati.

Dove sta la differenza? Nel comportamento della maggior parte degli utenti, che è spesso prevedibile e in un certo senso persino un po' stupido: con la politica opt-out in pratica nessuno esercita il suo diritto alla privacy, forse perché non sa di poterlo fare, forse soltanto per pigrizia e superficialità. In maniera semplicistica si può dire che il consumatore sceglie tacitamente ciò che di norma è stato scelto per lui.

Se da un lato la proposta del senatore piacerà sicuramente a chi tiene alla propria privacy e a chi pensa che il web si stia sempre più trasformando in una sorta di Grande Fratello, dall'altro l'azienda di Mountain View non si limita a criticare tale iniziativa, ma afferma che potrebbe avere parecchie conseguenze negative e potrebbe persino essere controproducente per la privacy degli utenti. L'opt-in si tradurrebbe infatti in una richiesta molto più estensiva di informazioni sull'utente e renderebbe possibile la creazione di profili molto più precisi. Lo scenario peggiore che ipotizza Google è una ridotta mobilità sul web e il venirsi a creare di community chiuse omogenee (cioè di individui che la pensano allo stesso modo) poco collegate fra loro, fenomeni che provocherebbero addirittura un'estremizzazione delle opinioni piuttosto che una proficua dialettica costruttiva.

Anche se lo scenario prospettato dalla grande G sembra verosimile e merita delle riflessioni, riesce difficile credere ciecamente a persone da lei stipendiate. Sicuramente la mole di dati che viene dalle esperienze di navigazione di tutti noi rappresenta l'asset più importante per l'azienda, che ha dimostrato di possedere incredibili strumenti per analizzarli e usarli a proprio vantaggio. I singoli utenti non comprendono quanto preziose siano tali informazioni e le barattano in cambio di servizi soddisfacenti.

Per tutelare un corretto utilizzo sarà sufficiente un "Don't be evil"? Tu che ne dici?

Image's Credits: http://blog.tagliaerbe.com/

20 aprile 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us