Digital Life

Non solo giochi nel futuro dell'Xbox 360

Microsoft traccie le future linee guida della console.

Per promuovere Xbox 360 in tutto il mondo, nei prossimi mesi Microsoft farà leva in particolare sulle funzionalità della console legate all'intrattenimento.

“Il 40% del tempo passato sul Live non è legato ai giochi.”

"La nostra idea per il futuro della Xbox è semplice", afferma in una nota Frank Shaw di Microsoft. "Tutto l'intrattenimento che volete, con semplicità e con le persone alle quali tenete. Per questo abbiamo investito nelle partnership con ESPN, Netflix e Hulu. Per questo abbiamo implementato il social nella piattaforma Xbox Live. Per questo nel 2011 ci vedrete promuovere Xbox come un brand dedicato all'entertainment. E sempre per questo motivo stiamo investendo così tante risorse nelle tecnologie Natural User Interface. Kinect è solo l'inizio".

Secondo alcuni, le dichiarazioni potrebbero essere il preludio alla presentazione all'E3 di Project Orapa, la combinazione di Xbox Live e Mediaroom IPTV.

"All'E3 capirete a che punto siamo arrivati con la nostra concezione di Xbox. Abbiamo venduto 53 milioni di console, 10 milioni di Kinect e abbiamo 30 milioni di abbonati a Xbox Live. Numeri importanti per una console che in passato veniva acquistata prevalentemente dai giocatori hardcore. Negli ultimi anni però è successo qualcosa di interessante: le persone continuano a utilizzare molti videogiochi ma il 40% del tempo trascorso su Xbox Live non è legato ai giochi. Xbox = entertainment, è questo il nucleo della nostra strategia".

"A dispetto di questa evoluzione, la Xbox è rimasta fedele alle sue radici e oggi non potete trovare su nessun altro dispositivo un'esperienza ludica più completa. Ci sono giochi di tutti i tipi, e potete trasferire l'esperienza sui PC con Windows 7 e sui dispositivi con Windows Phone 7. E naturalmente, arriveranno nuovi dispositivi...".

2 giugno 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us