Digital Life

Nintendo: niente giochi per iPhone & C.

Sviluppare per iPhone & c. non è nei loro piani

La notizia arriva direttamente dal capo dei capi di Nintendo, il presidente Satoru Iwata. Il super boss ha ribadito che l’azienda giapponese non svilupperà mai videogame per i gioiellini di Apple né per altri smartphone.

“Sviluppare giochi per smartophone significherebbe non essere più Nintendo!”

iOS non interessa - In barba alle recenti pressioni di investitori e finanziatori del gruppo giapponese leader nel mercato videogame, iOS di Apple non è nei progetti futuri di Nintendo. Satoru Iwata è stato molto chiaro sull’argomento nel suo intervento in occasione della recente 3DS press conference: “Non è un’eventualità da prendere assolutamente in considerazione”.

Visione a lungo termine - Il presidente di Nintendo, per ribadire il concetto, ha aggiunto che “se facessimo così, Nintendo cesserebbe di essere Nintendo. Avere un team di sviluppo hardware interno è un punto di forza. Sta ai manager saper utilizzare queste forze. Probabilmente questa è la decisione corretta, perché nel momento in cui comiciassimo a realizzare dei videogame per smartphone di sicuro faremmo dei profitti. Ma in ogni caso la mia responsabilità non sono i profitti a breve termine, quanto la forza competitiva di Nintendo a medio e lungo termine.”

Vendite così così - Molti analisti hanno comunque sollevato la quetione: Nintendo continuerà a competere con il settore del mobile gaming e le piattaforme annesse, smartphone con Android e sistema operativo iOS, che hanno prezzi più competitivi, a partire da meno di un dollaro per videogame. Nintendo ha recentemente abbassato i prezzi del suo nuovo prodotto 3DS, scelta che ha in parte contribuito ad aumentarne le vendite, anche se non sono ancora stati raggiunti i target annuali che l’azienda nipponica si era prefissata. (sp)

Niccolò Fantini

16 settembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us