Digital Life

Nintendo 3DS: ecco perché costa 259 euro

La console analizzata a fondo.

"È un oltraggio!". "È uno sfruttamento vergognoso!". "Bello vivere in Europa, dove fanno il cambio alla pari col Dollaro...".

“Quanto è realmente conveniente la console di Nintendo?”

Questa è soltanto una piccola selezione delle reazioni scatenate dall'annuncio che il 3DS sarebbe costato 259 preziosi euro. Quelle che possiamo pubblicare senza asterischi, almeno...

Anche se alcuni distributori non tarderanno a fomentare la guerra dei prezzi con offerte speciali e sconti interessanti, è comunque un esborso senz'altro più oneroso rispetto a quello richiesto al giorno del lancio dal Nintendo DS (circa €130/150) o dal Game Boy Advance (sotto i €100).

Ci stanno dunque sfruttando? Oppure Nintendo e il nostro negoziante di fiducia ci stanno offrendo il prezzo migliore per ciò che l'hardware ha da offrire?

Potrà sembrare ovvio ma Nintendo è molto desiderosa di farci capire che il suo nuovo giocattolo vale ogni centesimo che vorremo spendere. Lo dice anche David Yarnton, boss inglese di Nintendo: "È un oggetto di grande valore", spiega, "è uno strumento di intrattenimento 3D. Non si può comprare niente che sfrutti la tecnologia 3D a un prezzo così basso senza indossare un paio di occhiali".

Ovviamente, i distributori e i principali analisti sono d'accordo. "Non ho alcuna obiezione da sollevare in merito al prezzo", spiega l'analista di EEDAR, Jesse Divnich, "Il 3DS è un gran bel feticcio tecnologico che tutti gli appassionati di videogiochi dovrebbero provare. Non credo che il prezzo ostacolerà le vendite".Anche il famoso analista di Wedbush Morgan, Michael Pachter, non scorge alcun problema all'orizzonte. "È normale che la gente si lamenti in questo periodo difficile, non li biasimo, è senza dubbio un prodotto costoso. Tuttavia c'è da dire che verrà distribuito in maniera molto controllata, caricando sul mercato un peso che Nintendo ritiene adeguato."

Anche l'uomo a capo del marketing di HMV, Gennaro Castaldo, capisce le perplessità dei giocatori, ma pensa che nel lungo periodo la fascia di prezzo sia quella giusta. "Capisco benissimo come mai per qualcuno possano sembrare un sacco di soldi, ma stiamo parlando di una nuova spettacolare tecnologia che è costata molti milioni di euro di sviluppo, quindi è anche comprensibile che Nintendo, e le altri parti coinvolte, vogliano e debbano avere dei ritorni economici per lo sforzo compiuto”.

"Inoltre pensate a quante volte lo userete e vi farà divertire nel corso del suo ciclo vitale. Col Nintendo 3DS avrete acquistato un oggetto di grande valore, che durerà per un sacco di anni. Poche cose costano poco a questo mondo, e tutti sappiamo che se vogliamo qualcosa veramente di qualità, c'è un prezzo da pagare.

"

Come dice Castaldo, il desiderio di Nintendo di guadagnarci il più possibile è assolutamente ragionevole. Ma quanti soldi ha investito la casa di Iwata per ogni unità?

Secondo le stime preliminari fornite a Eurogamer da David Carey, Vicepresidente dell'Intelligence Tecnologica di UBM TechInsights, il costo dei singoli componenti è di circa $101 a unità (circa €70). Ciò significa un aumento di $15 (circa €10) rispetto al DSi, lanciato nel 2009 a un prezzo di circa €170.

27 marzo 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us