Digital Life

MIT dimostra che una Internet 100 o 1000 volte più veloce è possibile

Il MIT dimostra che è possibile

Il cuore della rete internet è oggi costituito da collegamenti ottici. Un gruppo di ricercatori al MIT ha lavorato a come poter organizzare tali reti ottiche in maniera tale da migliorare di molto la velocità di Internet. La maggior parte di tempo, infatti, oggi si perde nel convertire il segnale ottico a quello elettrico che arriva a noi. Perché dunque si preferisce convertire il segnale in elettrico? Perché il segnale ottico non può essere "controllato" bene: se due flussi arrivano ad un router allo stesso istante, non c'è modo di mettere uno "in attesa". Con il segnale elettrico oggi, invece, si può immagazzinare temporaneamente uno dei flussi (impossibile senza conversione a segnale elettrico).

I ricercatori del MIT hanno messo a punto una tecnica chiamata "flow switching", che risolverebbe il problema riservando delle lunghezze d'onda particolari a sensi unici: ogni router, dunque, riuscirebbe ad accettare flussi ottici solo da una direzione e inviarli a sua volta solo in una direzione. Se questo è già quello che accade oggi, il "flow switching" consente di adattare automaticamente tale politica ai diversi carichi istantanei della rete. Il tutto senza sprecare più energia, ma anzi diminuendo i quantitativi necessari oggi.

Tutto oro? Non esattamente, dato che usare questa tecnica significherebbe cambiare molti router: un investimento non indifferente. Quello che manca, al momento, è la domanda degli utenti. Se non c'è domanda, nessuno ha interesse ad investire. Forse l'ascesa dell'alta definizione, pensa Chan, a capo del gruppo di ricerca, creerà tale domanda. Aspettate, ma Google non aveva detto che bisognava fare l'esatto opposto, cioè velocizzare la rete per creare nuovi scenari e stimolare la domanda?

1 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us