Digital Life

Microsoft Xbox One divorzia da Kinect

Microsoft ricambia le regole del gioco. Se fino a ieri la periferica Kinect era uno strumento indispensabile per il funzionamento di Xbox One, adesso non sarà più obbligatorio collegarla alla console per giocare.

I dettagli sulla strategia Microsoft nei confronti della sua nuova console sono lungi dall’essere definitivi. E vengono a galla quasi per caso. Lo dimostra la questione di Kinect che è saltata fuori da un’intervista rilasciata da Marc Whitten, chief product officer di Xbox One, al sito IGN. Anche se non colleghi il sensore di movimento, oppure lo spegni, la console continuerà a funzionare. Kinect, insomma, non è più un requisito indispensabile per giocare con Xbox One.

C’è chi sostiene che l’ultima mossa di Microsoft sia una reazione alle polemiche sollevate dallo scandalo Prism e alla modalità di funzionamento “sempre in ascolto” di Kinect. Prism, per chi si fosse perso le puntate precedenti, è il programma di sorveglianza elettronica venuto a galla dopo le rivelazioni di Edward Snowden, l’ex analista della CIA, usato per gestire le informazioni raccolte sul web e tramite vari fornitori di servizi elettronici e telematici statunitensi relative ai propri utenti. E che ha coinvolto, tra gli altri, anche il colosso di Redmond.

Annunci e smentite. Microsoft, dal giorno della presentazione della nuova console Xbox One che sarà in vendita dal prossimo novembre in Italia, continua a dettare regole per poi cambiarle. Era già capitato con il ritocco delle caratteristiche tecniche, con l’abolizione dell’always online (si potrà giocare anche offline) e con il blocco dell’usato (si potranno rivendere i giochi), con l’inserimento delle cuffie nella confezione che invece non ci saranno e con l’apertura ai programmatori indipendenti prima esclusi dallo sviluppo dei titoli.

Guarda il video di presentazione di Xbox One

19 agosto 2013 Silvia Ponzio
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us