Digital Life

Microsoft collaborava con il governo di Tunisi

Le indiscrezioni arrivano da Wikileaks.

Secondo le informazioni contenute in alcuni dei documenti di Wikileaks, il colosso Microsoft avrebbe lavorato al fianco dell’ex governo tunisino per incrementare il controllo sui cittadini.

“Indiscrezioni dai file di Wikileaks: l’azienda di Redmond accusata di collaborazionismo”

Per vendere il software? - La notizia ha suscitato un certo clamore negli USA, dove è ormai memoria collettiva il blocco della Rete e delle telecomunicazioni operato dai governi magrebini nel tentativo di arginare rivolte e rivoluzioni. A quanto pare Microsoft ha lavorato diplomaticamente con l’ex governo della Tunisia per diversi anni, nei documenti di Wikileaks si parla di fatti accaduti nel 2006: Microsoft avrebbe esercitato delle pressioni sugli emissari del Presidente Ben Ali perché venisse scelto un programma di sua proprietà in grado contrastare i criminali informatici in Tunisia.

Formazione sul campo - Inoltre pare che Microsoft abbia provveduto anche al training dei funzionari del Ministero degli interni e della giustizia di Tunisi, che sarebbero stati formati sull’uso del dato applicativo. A prova della collaborazione, la cui notizia non è stata commentata ufficialmente da Microsoft, ci sono anche 12.000 licenze software, che l’azienda americana ha stipulato con il governo di Ben Ali. (pp)

Niccolò Fantini

6 settembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us