Digital Life

Perché dovremmo usare di meno il Gps?

Per orientarsi per strada, ci vuole allenamento. Ecco perché non dipendere troppo dal Gps aiuta ad avere una memoria spaziale più sviluppata.

Pronti per un bel viaggio con il Gps? Eppure, non è proprio detto che dipendere da un navigatore sia una buona abitudine poiché muovendoci in autonomia rendiamo più efficiente il nostro sistema di navigazione cerebrale.

In altre parole, usare meno il Gps serve ad allenare il nostro senso dell'orientamento e migliorare la memoria spaziale, cioè la capacità di fissare informazioni relative all'ambiente e di crearci una mappa mentale dello spazio. 

Navigatore mentale. A provare questa teoria è uno studio della McMaster University (Canada) che ha messo a confronto persone dai 18 agli 87 anni con diversi gradi di abilità nell'orienteering: uno sport in cui ci si muove in un bosco o in una città senza un percorso prestabilito ma passando per una serie di punti fino a raggiungere quello di arrivo, servendosi solo di una bussola e di una mappa.

È risultato che i partecipanti più esperti possono contare su una migliore rappresentazione mentale dello spazio e su una memoria spaziale più sviluppata. Quindi, per orientarsi serve allenamento. Lo conferma pure uno studio dell'Università di Lione e dell'University College di Londra: crescere in campagna o in una città che ha una mappa complessa sviluppa il senso dell'orientamento più che nascere in centri urbani in cui le strade formano una semplice griglia, con diramazioni ad angolo retto.

25 giugno 2023 Margherita Zannoni
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us