Digital Life

LulzSec ed Anonymous in una pioggia di arresti

Anonymous nel mirino

LulzSec, il movimento di hacker più attivo e violento del mondo, aveva proclamato il proprio scioglimento poco tempo fa. Evidentemente il gruppo si sentiva accerchiato ed in pericolo, e per questo aveva progettato di difendersi nascondendosi nella cappa confusa di Anonymous. Il piano non ha forse avuto il successo sperato: c’è stata una raffica di arresti di hacker in tutto il mondo e le forze di polizia e gli hacker che si oppongono a queste famigerate associazioni di cybercriminali hanno acclamato la cattura di individui di alto profilo come “Sabu” e “Tflow”, dei leader durante la primavera di disastri informatici scatenati da Lulzsec. Il conto della giustizia pare essere particolarmente salato, con 14 sospetti arrestati solo in USA, seguiti a ruota da altri individui catturati in Italia, Olanda, UK, Svizzera e Turchia.

La reazione del mondo underground degli hacktivisti è giunta dopo poco tempo: il LulzSec, risorto dalle ombre, ha annunciato di aver violato la sicurezza del Sun, il giornale inglese al centro degli scandali sulle intercettazioni telefoniche. Complice involontaria anche il direttore esecutivo Rebekah Brooks, rea di aver usato come password per le proprie email un semplice 630000. Geniale. L'attacco già ieri aveva i connotati di un successo, tanto che sul sito del giornale inglese un redirect portava ad un articolo-farsa sulla presunta morte di Rupert Murdoch. Pare però che i danni al giornale non si siano limitati ad un semplice defacing: nelle prossime ore sarà distribuito un archivio di mail riservate.

Il problema degli hacker è che è davvero difficile avere la certezza al 100% di aver preso la persona giusta. Nel frattempo tanto LulzSec quanto Anonymous hanno continuato a comunicare che i veri Sabu e Tflow sono ancora liberi (il primo ha continuato a postare sul proprio Twitter). E se anche non sono liberi, sono solo degli individui, rigorosamente privi di volto, all’interno di una moltitudine di guerriglieri informatici. Come dare loro torto?

20 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us