Digital Life

Le lenti a contatto intelligenti

Una start-up americana è pronta a commercializzare le prime lenti a contatto smart, per guardare il mondo con gli occhi di Robocop.

Un sistema di visione in perfetto stile Robocop, con un display virtuale che proietta contenuti e informazioni direttamente sulla retina. Una versione 2.0 degli smart glasses proposti qualche anno fa da Google: è la lente a contatto intelligente proposta da Mojo Vision e che promette di rivoluzionare il mondo della realtà aumetata.


Un Computer nell'occhio. Si tratta di una lente a contatto equipaggiata con un microdisplay, un chip, una batteria e una connessione wireless che permette a chi la indossa di vedere il mondo arricchito da una serie di informazioni in sovraimpressione.

La lente si comanda con i movimenti oculari: spostando gli occhi ai confini del campo visibile si attiva il menu e compaiono le icone che richiamano le varie funzionalità della smart lens: dalle informazioni turistiche sulla zona che si sta visitando a un sistema di navigazione tipo Google maps, ma anche distanza percorsa, battito cardiaco e altre informazioni tipiche di una app di fitness.

Il dispositivo ha le dimensioni di una comune lente a contatto ma contiene al suo interno tantissima tecnologia: un accelerometro e un giroscopio che permettono di seguire i momenti dell'occhio, un display con una risoluzione da 14.000 pixel per pollice e, a breve, una minuscola telecamera che si collegherà a un sistema di riconoscimento delle immagini.

Computer da indossare: la smart lens è poco più grande di una comune lente a contatto. © Mojo Vision

Comodissima. Fantascienza? Non proprio: la lente esiste già sottoforma di prototipo e l'azienda conta a breve di iniziare i trial clinici che permetteranno di effettuare i primi test di utilizzo.
Uno dei problemi più rilevanti che il team ha dovuto affrontare, oltre la miniaturizzazione estrema di ogni componente, è il comfort per l'utilizzatore, dato che tutta la tecnologia presente all'interno della lente di fatto rende molto difficile l'ossigenazione dell'occhio.

Ecco perchè le smart lens, a differenza delle lenti a contatto tradizionali, sono dotate di minuscoli canali che permettono la circolazione dell'aria tra la parte interna ed esterna.

La lente è stata progettata in modo da non compromettere la visione periferica: la batteria, il microchip e gli altri dispositivi sono collocati nella zona rivolta verso il naso, quella dove meno spesso si concentra lo sguardo.

Il prossimo step sarà quello di ottenere l'autorizzazione alla commercializzazione da parte della FDA e delle altre autorità sanitarie: si tratta comunque di una lente a contatto e l'utilizzo deve avvenire dopo un approfondito controllo oculistico.

13 luglio 2022 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us