Digital Life

L’email ti stressa? La scienza spiega perchè

L’ansia da email non lette e non risposte colpisce un po’ tutti. E per precise ragioni scientifiche. Ecco quali sono e come difendersi.

Avete presente quel senso di ansia e insoddisfazione derivante dall’avere email non lette che ci aspettano nella casella della Posta in Arrivo? O la frustrazione che si prova quando qualcuno fraintende ciò che abbiamo scritto? Ebbene, è un problema più comune di quel che si possa pensare.

Il tema è stato recentemente affrontato in chiave scientifica da Jocelyn K. Glei, una giornalista e scrittrice americana che si occupa di mondo del lavoro, creatività e carriera. Nel suo ultimo libro Unsubscribe: How to Kill Email Anxiety, Avoid Distractions, and Get Real Work Done, l’autrice analizza le ragioni all’origine dell'ansia da posta elettronica.

Siamo come topi. Uno studio di psicologia datato 1930 evidenzia come i ratti da laboratorio siano molto più motivati dal ricevere ricompense casuali (spingere una leva e, a volte, ricevere del cibo) piuttosto che premi certi a scadenza fissa (spingere la leva 100 volte per ottenere il cibo).

Per certi versi l’e-mail sfrutta un meccanismo simile. Quando apriamo la nostra Inbox non sappiamo che cosa ci troveremo dentro: spesso si tratta di scocciature o problemi di lavoro, ma una volta ogni tanto capita anche qualcosa di bello, la nostra ricompensa. E questo innesca un meccanismo di dipendenza dal quale può essere difficile liberarsi.

Missione compiuta. Quanto ci sentiamo bene quando abbiamo completato un compito o terminato un lavoro? Dipende tutto dal nostro cervello, che al raggiungimento di un obiettivo, per esempio rispondere a tutte le email, rilascia dopamina.

Ma svuotare completamente la casella di posta elettronica è praticamente impossibile, perchè i messaggi arrivano di continuo. Man mano che smaltiamo le email in giacenza abbiamo la sensazione di avvicinarci all’obiettivo e alla conseguente sensazione di felicità legata al rilascio di dopamina. Ma un nuovo messaggio è già in attesa di spostare il nostro target ancora un po’ più in là.


Risposta obbligata. Diversi studi dimostrano come gli esseri umani siano inclini alla regola della reciprocità, vogliamo cioè rispondere a un’azione positiva nei nostri confronti con un’altra azione positiva. E così quando qualcuno ci manda un email ci sentiamo obbligati a rispondere.

Quante volte qualcuno ci ha inviato un articolo di giornale e noi abbiamo risposto “grazie, lo leggerò” senza poi dare mai seguito alla promessa? E quante volte abbiamo scritto banalità al nostro capo in risposta a e-mail per le quali in realtà non era richiesto alcun feedback?

Tutto questo, come è facilmente intuibile, contribuisce a creare ansia e stress e influisce negativamente sul nostro lavoro, sulle relazioni sociali, sul nostro benessere generale.

La soluzione c'è. Si può uscire da questo circolo? Secondo la Glei sì, utilizzando alcuni semplici accorgimenti. Per esempio non controllando la posta ogni 5 minuti ma comprimendo la gestione dell’email in 2 o 3 momenti fissi durante la giornata. E utilizzando schemi predefiniti per rispondere alle email invece che dover pensare risposte personalizzate per ogni messaggio.

E poi delegando (nel caso della posta elettronica del lavoro): secondo la Glei difficilmente il nostro contributo attivo è indispensabile in tutte le questioni che ci vengono sottoposte per email. A volte chiedere di essere esclusi da una discussione per posta elettronica può cambiarci (in meglio la giornata).

Come rispondere alle email di lavoro. C'è anche uno stratagemma particolarmente efficace per rispondere alle email di lavoro (che possono essere molto numerose). Lo propone Tony Hsieh, CEO di Zappos.com, un sito che vende online scarpe e vestiti: ogni giorno risponde ai messaggi del giorno precedente. Il sistema funziona, dice Hsieh, perché ogni giorno sa esattamente a quante mail deve rispondere, e non passa la giornata a stare al passo delle email che arrivano man mano.

7 novembre 2016 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us