Digital Life

Le regole d'ingaggio ai tempi della cyber guerra

Le regole della guerra informatica.

Il mondo ha bisogno di alcune regole di ingaggio per la guerra cibernetica, lo dicono gli esperti russi e americani a una conferenza sulla sicurezza in programma questo venerdì.

“Russi e americani convinti della necessità di regole comuni per la guerra informatica”

I partecipanti - La proposta per una cyber guerra consapevole viene dall’inlfuente EastWest Institute di New York e corrisponde alla conferenza di Ginevra e quella dell’Aia, ai tempi del cyberspazio. La Munich Security Conference è una conferenza che avverrà ogni anno, a partire dal 2011, tra gli invitati: il primo ministro inglese David Cameron, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il segretario americano Hillary Clinton e il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov.

Gli obiettivi - La logica alla base è che ai tempi delle guerre cibernetiche e degli attacchi ai computer da parte di hacker, anche al soldo delle nazioni, occorre definire le zone da proteggere durante il conflitto nel cyberspazio, come ad esempio i sistemi ospedalieri o scolastici. Secondo la proposta, uscendo dai classici schemi di nazione e territorio, la cyber guerra ridefinisce i concetti di pace e guerra ai tempi di Internet: la differenza tra obiettivi civili e militari non è così lampante e richiede regole certe: quando un attacco informatico è necessario, quando è invece opportuno rispondere o attivare le contromisure necessarie, gli esperti cercheranno a Monaco di rispondere a questi e altri dilemmi.

Difficile da scoprire – Gli attacchi informatici, per la stessa natura del cyberspazio, dove l’anonimato e il nascondere le impronte con l’uso di proxies e altri sistemi per camuffare la propria presenza in Rete, sono sempre più difficili da scoprire in anticipo, invece il loro effetto è spesso lampante a cose fatte. La conferenza di Monaco proverà a dare delle risposte comuni, dettando le regole di ingaggio per il cyberspazio, secondo il parere di esperti come John Bumgarner, direttore della tecnolgia presso la US Cyber Consequences Unit.

10 cellulari che hanno fatto storia. Guarda la gallery!

4 febbraio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us