Digital Life

Le console scompariranno nel 2030?

Il futuro è nel cloud computing.

Secondo quanto dichiarato dal noto analista di Wedbush Morgan, Michael Pachter (via VG247), entro il 2030 tutti i videogiochi saranno distribuiti per mezzo di servizi cloud computing.

“A rischio i rivenditori e i meno abbienti”

Ciò significa che non esisteranno più le console e che i videogame verranno eseguiti su server remoti che invieranno le immagini direttamente sui nostri schermi.

Un sistema, questo, che renderebbe possibile giocare su qualsiasi dispositivo dotato di uno schermo e di una connessione a internet, che sia un cellulare, un tablet o un qualsiasi televisore.

"Il business diventerà importante nei prossimi tre o quattro anni", afferma Pachter.

"Nel 2015 il cloud avrà ottenuto una fetta consistente del mercato, nel 2020 il 50% dei giochi sarà cloud mentre nel 2030 il 100% del business sarà cloud-based".

Secondo Pachter, il nuovo modello di distribuzione metterà a rischio il business dei rivenditori, mentre le fasce meno abbienti rischiano di vedersi tagliate fuori dal proprio hobby a causa della morte del mercato dell'usato.

Publisher e sviluppatori, invece, dovrebbero incrementare i guadagni grazie al cloud.

Pachter ha parlato inoltre della perdita di importanza dell'industria nipponica, costituita da publisher che diventano "sempre più piccoli e insignificanti".

"Hanno provato ad adattare i contenuti giapponesi al mercato occidentale ma hanno fallito e ora hanno paura di ripetere l'errore".

Dopo aver citato il caso di Vanquish, un gioco di qualità che non ha avuto successo commerciale al di fuori del Giappone, Pachter ipotizza che l'industria nipponica possa rivolgersi sempre più al mercato interno. "In ogni caso, il mercato giapponese non sta crescendo", conclude l'analista.

1 marzo 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us