Digital Life

Selezioni di lavoro: la severità dell'intelligenza artificiale

Per la preselezione del personale le grandi aziende usano l'intelligenza artificiale, ma si è visto che questa scarta spesso ottimi candidati.

Trovare lavoro è sempre più difficile: chiunque negli ultimi tempi si sia messo alla ricerca di un nuovo impiego, è consapevole dell'infinità di mail da inviare e annunci a cui rispondere prima di avere la fortuna di ricevere - almeno - una risposta. A far cadere molti curricula nel dimenticatoio contribuisce l'intelligenza artificiale (IA), che, "incaricata" della preselezione del personale nei sistemi informatici di grandi aziende e gruppi di recruiting, spesso scarta validi candidati sulla base di piccoli tecnicismi: è quanto rileva un report dell'Università di Harvard, che ha analizzato i danni che l'automatizzazione sta arrecando al settore.

Le aziende sono in cerca di personale qualificato per aumentare la propria competitività - sottolinea il report - e allo stesso tempo un crescente numero di persone rimane "nascosto" al mercato del lavoro a causa dei processi di assunzione adottati dalle aziende stesse. E così, come in un circolo vizioso, le aziende si lamentano per la mancanza di validi candidati, e i candidati validi si lamentano per la mancanza di offerte di lavoro.

Non una scelta umana. La ricerca, che ha coinvolto 8.000 "lavoratori nascosti" - persone che sono in cerca di impiego, ma che a causa del mercato del lavoro o per problemi personali non riescono a trovarlo - e oltre 2.250 dirigenti d'azienda, ha rilevato che i due software di ricerca del personale più utilizzati dalle aziende, l'ATS (Applicant Tracking System, sistema di tracciamento candidati) e l'RMS (Recruiting Managing System, sistema di gestione delle assunzioni), effettuano un filtraggio eccessivo dei candidati.

«La maggior parte dei dirigenti, fino all'88%, è consapevole che questo processo di assunzione automatizzato taglia fuori candidati qualificati», spiegano i ricercatori. Sebbene non indichi una ragione specifica per cui questo avviene, lo studio suggerisce che i software utilizzati spesso dividono in modo troppo drastico i curricula in "buoni" e "cattivi", tenendo conto di sottigliezze poco utili ai fini di un'eventuale assunzione.

Cambio di metodo. Dal momento che revisionare tutti i curricula a mano, specie per le grandi aziende, è impossibile, per evitare di perdere talenti bisognerebbe cambiare il metodo con cui si effettua la prima "scrematura" di candidati: per farlo, gli studiosi di Harvard consigliano alle aziende di rivedere i propri annunci di lavoro, indicando solo poche competenze fondamentali. D'altro canto, sarebbe utile cambiare il funzionamento dell'IA, passando da una selezione che filtra i candidati in negativo, che elimina cioè chi non ha determinate competenze, a una selezione in positivo, che premi chi ha più competenze di interesse dell'azienda.

In questo modo sarà più semplice trovare il candidato migliore, senza il rischio che venga scartato da un software troppo severo.

23 settembre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us