Digital Life

La saga dei geek anti-Mubarak

Accedere alla Rete con il blackout.

Internet e i social network sono stati fondamentali per organizzare e coordinare la rivolta in Egitto. Non è stato facile comunicare nel periodo di “blackout” della Rete, ma alcuni hacker egiziani sono riusciti a trovare un accesso e continuare la loro battaglia online.

“Gli hacker nei giorni di blackout della rete sono riusciti a usare l’accesso a Internet”

Difendere il fortino hi-tech - La protesta contro il regime di Muhammad Hosni Mubarak, in carica da 30 anni, è scoppiato martedì 25 gennaio quando alcuni manifestanti hanno iniziato a scendere nelle strade de Il Cairo e altre città per far sentire il proprio dissenso. I social network come Facebook e Twitter sono stati fondamentali per coordinare l'azione e organizzare la rivolta. Il resto è storia di questi giorni con scontri che si estendono a macchia d’olio in tutto in paese e che hanno portato a centinaia di morti e migliaia di feriti. Internet, ma in generale tutte le nuove tecnologie, giocano un ruolo fondamentale negli scontri: le autorità cercano di bloccare le comunicazioni e la diffusione di materiale “non autorizzato” sul web, mentre gli attivisti fanno del loro meglio per continuare a testimoniare con video e racconti quello che succede davvero. E gli hacker egiziani si arrangiano come possono per combattere “online”.

Aggirare i blocchi - Ahmad Gharbeia, 34 anni, racconta come stanno vivendo questi momenti di violenza al Cairo. Gharbeia si occupa da sei anni di addestrare attivisti, giornalisti e avvocati dei diritti umani dei paesi arabi a rendere sicure le proprie comunicazioni online. Le armi a sua disposizione sono le principali tecniche di crittografia e PGP per la posta elettronica. Usano, racconta, anche dei proxy come Tor che aggirare il blocco delle comunicazioni e “Security in a Box”, un kit gratuito di sua creazione che garantisce ai sostenitori dei diritti umani sicurezza, privacy e anonimato.

Internet a sbaffo - Ahmad Gharbeia racconta anche che il primo giorno di scontri, lui e altri amici, hanno improvvisato una sorta di quartier generale in Piazza Tahrir, al Cairo, con tende e tutto il necessario per la lotta “tecnologica”: computer con ogni tipo di sistema operativo (Mac, Pc e Linux), fotocamere, videocamere, telefoni cellulari e qualsiasi cosa in grado di catturare e trasmettere gli avvenimenti in tempo reale. Il loro obiettivo, dall’inizio della rivolta, è stato difendere il “fortino” e tutto materiale raccolto. La connessione a Internet, però, mercoledì della scorsa settimana ha iniziato a mancare in quasi tutto il paese, così come la rete telefonica.

Tutto bloccato tranne i servizi Internet di alcuni piccoli service provider come Noor usato da siti strategici come la borsa egiziana, la Commercial International Bank of Egypt e la National Bank of Egypt and Egypt Air. Così per alcuni giorni, fino al ripristino delle comunicazioni, gli hacker egiziani sono riusciti a coordinarsi sfruttando (di straforo) proprio la connessione di Noor. Appena Internet ha ripreso a funzionare hanno caricato oltre 100 GB di materiale video e fotografico raccolto nei giorni di “blackout”.

Le spie di Facebook. Guarda la gallery!

3 febbraio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Gli eccessi della Rivoluzione francese raccontati attraverso la tragedia delle sue vittime più illustri, Luigi XVI e Maria Antonietta. La cattura, la prigionia, i processi e l’esecuzione della coppia reale sotto la lama del più famoso boia di Parigi. E ancora: come si studiava, e si insegnava, nelle scuole del Cinquecento; l’ipotesi di delitto politico dietro la morte di Pablo Neruda, pochi giorni dopo il golpe di Pinochet; l’aeroporto di Tempelhof, a Berlino, quando era palcoscenico della propaganda nazista.

ABBONATI A 29,90€

Perché il denaro ci piace tanto? Gli studi spiegano che accende il nostro cervello proprio come farebbe gustare un pasticcino o innamorarsi. E ancora: la terapia genica che punta a guarire cardiopatie congenite o ereditarie; come i vigili del fuoco affinano le loro tecniche per combatte gli incendi; i trucchi della scienza per concentrarsi e studiare meglio; si studiano i neutrini nel ghiaccio per capire meglio la nostra galassia.

ABBONATI A 31,90€
Follow us