Digital Life

La privacy online (purtroppo) non esiste!

Stanford University svela come i siti spiano gli utenti.

Una ricerca della Stanford University svela i retroscena della vita spregiudicata dei “cyberazzi”, ossia tutte le ingegnose trovate che i siti web commerciali si inventano ogni giorno per darci la caccia.

“Anche Facebook e Google nella lista nera della Stanford University”

Non mi seguire! - Sono ormai mesi che in Europa, e in gran parte del mondo, si dibatte su una direttiva “do not track” che consenta ai navigatori di poter scegliere di non essere inseguiti ovunque dai siti web. Così, dopo aver tenuto sotto osservazione 185 siti ad alto traffico, l’Università di Stanford ha rilevato dei comportamenti poco corretti nei confronti degli utenti, la cui privacy è di fatto una chimera.

Basta cookie - Lo studio definisce elegantemente “cyberazzi” i software e gli espedienti studiati per scoprire cosa facciamo quando siamo online. Una schiera di cookie, trappole e “retini per dati”, ci dà la caccia e presenta un nostro profilo straordinariamente dettagliato a chi crea pubblicità personalizzata. Il problema è così grave che il 61% dei siti monitorati - una rosa di nomi noti tra cui Facebook e Google - distribuisce senza riguardo dati sensibili come user name e password. Per darvi un’idea, se vi iscrivete al sito della rete televisiva NBC il vostro indirizzo viene spedito ad altre sette aziende. Home Depot, una catena di grandi magazzini americana, invece, invia dettagli come il vostro indirizzo di posta elettronica anche solo che cliccate su un banner pubblicitario.

States & co - Il Congresso degli Stati Uniti sta vagliando delle proposte di legge che obblighino i siti a inserire la clausola “Do not track” quando vengono in contatto con un utente online. E le altre nazioni seguirebbero a ruota l’esempio degli States. Nel frattempo AdBlock+ è il mio migliore amico... (sp)

14 ottobre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us