Digital Life

La narrativa dei videogiochi migliore di quella dei film

Maggiore coinvolgimento emotivo per la sceneggiatrice di Deus Ex: Human Revolution

Secondo quanto dichiarato a Eurogamer da Mary De Marle, autrice della storia di Deus Ex: Human Revolution, prima o poi la componente narrativa dei videogiochi riuscirà a superare quella dei film.

“Maggiore coinvolgimento emotivo per la sceneggiatrice di Deus Ex: Human Revolution”

"C'è un grande potenziale che permette di andare oltre i film", ha dichiarato in un'intervista concessa a Eurogamer. "La differenza tra un film e un gioco è che quello che accade quando giochi succede a te, il coinvolgimento è maggiore".

"Nei film l'autore ha il completo controllo sulla storia. Questo gli permette di centellinare le informazioni, approfondire i personaggi e creare momenti estremamente efficaci dal punto di vista della reazione emotiva. Nei giochi, invece, il problema è che non si può controllare il comportamento del giocatore. Bisogna trovare nuovi metodi per guidarlo al fine di migliorare la componente narrativa".

Qualche tempo fa il creatore di Ultima, Richard Garriot, aveva dichiarato a Eurogamer che "le regole della vera narrazione interattiva non sono ancora state padroneggiate a dovere dall'industria". "Non solo nei dialoghi, non nei filmati, ma nell'intera esperienza che si svolge con la partecipazione del giocatore".

Secondo De Marle, la soluzione al problema è il rafforzamento della collaborazione tra scrittori e sviluppatori: "Dobbiamo lavorare a stretto contatto con gli altri membri del team. Tutti devono capire che si sta lavorando per costruire un'esperienza dal forte impatto emotivo".

2 febbraio 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us