Digital Life

La luce blu emessa dallo schermo del cellulare fa invecchiare?

Restare molte ore davanti al cellulare potrebbe accelerare il nostro processo di invecchiamento. Lo ipotizza uno studio sui moscerini della frutta.

Passare troppe ore - come del resto facciamo quasi tutti - a guardare il cellulare, di giorno e di notte, da soli ma anche in compagnia, potrebbe (anche) farci invecchiare prima. La prolungata esposizione alla luce blu emessa dagli smartphone e da altri dispositivi d'uso quotidiano potrebbe infatti compromettere il funzionamento di un'ampia gamma di cellule e, quindi, accelerare l'invecchiamento.

A questa conclusione sono arrivati alcuni i studiosi della Oregon State University (Usa) studiando i moscerini della frutta ma le sostanze chimiche interessate nel processo di invecchiamento sono presenti anche nelle cellule del corpo umano: ecco perché i ricercatori statunitensi ipotizzano che i risultati possano essere, almeno in parte, estesi agli umani.

Iperilluminati dalla luce blu. I moscerini della frutta esposti nell'esperimento per due settimane alla luce blu avevano livelli alterati di alcuni metaboliti, molecole che derivano dalla trasformazione chimica di ciò che viene introdotto nel corpo (ad es. il cibo) oppure è prodotto dall'organismo, affinché possa essere utilizzato o eliminato. Il che indica che le loro cellule non funzionavano in modo ottimale. E spiega l'invecchiamento precoce e la minore longevità dei moscerini colpiti ininterrottamente da questa luce. Tuttavia, come hanno precisato gli scienziati, le persone sono esposte a una luce blu molto meno intensa di quella con cui sono stati "trattati" gli insetti, per cui il supposto danno cellulare dovrebbe comunque essere minore. 

12 giugno 2023 Margherita Zannoni
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us