Digital Life

La grafica nei videogiochi è vicina al limite

L’occhio umano equivale a un sensore da 30 MP.

Ogni volta che sentiamo parlare di una nuova console o di una nuova generazione di schede grafiche, i comunicati stampa parlano di “fotorealismo”. Già, ma quanto manca per raggiungerlo realmente?

“La percezione dell’occhio umano equivale a un sensore da 30 MPixel”

Secondo Tim Sweeney, co-fondatore di Epic Games, lo sviluppatore dietro ai vari Unreal e Infinity Blade, ci avviciniamo sempre di più al giorno in cui la grafica dei videogiochi non potrà migliorare ulteriormente.

Sweeney, infatti, ha dichiarato che la capacità dell’occhio umano equivale a quella di una fotocamera da 30 Megapixel in grado di percepire un massimo di 72 frame al secondo. La miglior risoluzione possibile è dunque di 8.000x4.000 pixel.

«Il limite è davvero in vista», è stato il commento dell’uomo Epic in occasione di un intervento al DICE Summit 2012. «Riusciremo tra non molto a raggiungere la potenza di calcolo necessaria a simulare la realtà».

Non aspettatevi però cose sbalorditive dalla PlayStation 4. Eguagliare la “realtà” significa, infatti, riuscire a ottenere una potenza superiore di ben 2.000 volte quella dei miglior hardware attualmente in circolazione: un traguardo raggiungibile, secondo la famosa legge di Moore, in 17 anni.

Parlando di sensori come Kinect e Siri, infine, Sweeney dichiara che «abbiamo quasi scalfito la superficie delle implicazioni consumer. Quello che possiamo fare con un iPad o un iPhone oggi è limitato alla nostra esperienza e storia con i computer. I giorni più luminosi della nostra industria devono ancora arrivare».

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

LE TOP GALLERY DI JACK

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

14 febbraio 2012 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us