Digital Life

La Germania vuole proibire le ricerche di informazioni sui dipendenti tramite Facebook

Verrà tutelata la privacy dei nuovi assunti.

Una delle caratteristiche fondamentali della nostra epoca è che, mentre ci ossessioniamo a vicenda con i problemi riguardanti la nostra privacy, allo stesso tempo abbiamo completamente dimenticato i semplici passi necessari ad impedire che detti problemi si verifichino. In effetti ho sempre trovato paradossale che si protesti per il livello e la quantità di informazioni personali disponibili su Facebook, quando siamo quasi sempre stati noi stessi a piazzarcele. E’ inevitabile che qualcuno ne approfitti, specie chi si ritrova in una posizione di potere: è il caso dei datori di lavoro che raccolgono dati sui dipendenti tramite i social network, magari proprio allo scopo di decidere chi assumere.

La Germania, spesso nota per avere un forte atteggiamento moralistico da Nanny State nei confronti dei suoi cittadini, ha deciso di studiare una legge che proibirà ai datori di lavoro i “background check” su Internet. Sarà illegale controllare qualsiasi genere di informazione online che non sia espressamente pubblica: niente Facebook o MySpace, quindi, ma solo siti professionali, blog personali o social network dedicati al mondo del lavoro come LinkedIn e Xing. E’ certamente duro provare che il tuo futuro datore di lavoro ha o non ha guardato Facebook prima di assumerti, ma se non altro sarà impossibile annotare i particolari imbarazzanti della vita dei tedeschi sui documenti ufficiali dell’azienda. E a minimizzare i restanti problemi applicativi di tale futura norma non manca un disperato pizzico di ottimismo da parte del portavoce del Ministero dell’Interno, Philipp Spauschus:

“Ci aspettiamo che i manager - come tutti gli altri cittadini del resto - agiscano rimanendo nella piena legalità”.

Immagine Creative Commons di Laverrue.

27 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us