Digital Life

La censura cinese travolge i social network

Ancora più severa la censura cinese su blog e social network.

La Cina intensificherà i controlli sui social media e i servizi di instant messaging dimostrando un timore sempre più crescente verso le nuove forme di comunicazione. I blogger sono ormai considerati i nemici numero uno dal regime.

Pechino sembra sempre più terrorizzata dalla crescita esponenziale della galassia social, in particolare il fenomeno esplosivo dei microblog. Il piano del governo cinese non è di eliminare tutto, ma di tenere sotto stretta sorveglianza questi servizi che, lasciati a briglia sciolta, potrebbero spargere sedizione o anche solo malcontento nella popolazione.

Le nuove regole non menzionano direttamente i microblog, ma il timore esiste, e la parola d’ordine della nuova Cina è di dare l’illusione che tutto vada bene e che ogni ulteriore forma repressione sia solo per il bene comune.

L’universo web cinese - dall’altra parte della barricata - è però in piena espansione e non si lascia più di tanto intimidire. I cinesi hanno sviluppato un grado di sopportazione verso il proprio governo che rasenta il sovrannaturale, anzi, aspettavano tranquillamente che l’interesse malevolo dei censori si intensificasse.

Gran parte dell'attuale ondata di allarme governativo è la risposta alla facilità con cui il popolo social reagisce alle notizie, criticando e passando sotto la lente d’ingrandimento gli “abbellimenti” che il regime gli propina attraverso le fonti d’informazione ufficiali.

Il famoso caso della bambina investita è stato, infatti, seguito con molto interesse dai microblog e il tentativo di occultare i terribili risvolti della faccenda da parte degli organi di stampa è stato ben compreso e stigmatizzato. È ovvio che un regime totalitario non può permettere ai cittadini una qualsivoglia libertà di critica, ora bisogna solo a vedere quali saranno - all’atto pratico - le misure imposte dal governo. (sp)

28 ottobre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us