Digital Life

L'outsourcing è una piaga anche per i designer?

Ucciderà il design?

Internet crea tanti problemi quanti ne risolve. Generalmente le persone che più vengono tormentate dal libero fluire dell’informazione sono i creativi, coloro che vivono attraverso il durissimo lavoro di dare una forma tangibile alla bellezza, all’arte, all’identità delle aziende.

Un esempio pratico di quanto i committenti si rifiutino di capire gli sforzi e la mole di lavoro necessaria a creare un logo è quello che è capitato con Gap, una multinazionale della moda statunitense. Il brand aveva tentato un restyling, ma il risultato è stato tanto brutto che anche chi non si è mai interessato di design ha commentato negativamente. Si trattava probabilmente di uno sforzo per tagliare sul prezzo, affidandosi ad un designer di un paese emergente, ma senza neppure fare una ricerca di mercato sulle sue abilità.

Per aggiungere l’insulto alla figuraccia, Gap si è reso ancora più inviso alla comunità dei designer cercando di risolvere il problema con un concorso mezzo abortito (il tema è scontato: “crea tu il nuovo logo di Gap”). Il fatto che si tratti di una grande azienda a ricorrere a questi mezzucci è un sintomo dei tempi. Al giorno d’oggi chiunque può installarsi Photoshop o un prodotto open source di tutto rispetto ed iniziare a creare. Purtroppo per i designer professionali, che hanno speso parte della loro vita in educazione e impegno professionale, questo tende a ridurre le distanze con i talentuosi autodidatti... A patto di trovarne uno! Ci sono certamente centinaia di bravissimi designer hobbyisti capaci di opere degne e certamente disposti a “svendersi”. Purtroppo, però, le aziende sono tradizionalmente inclini a confondere un pessimo lavoro amatoriale con la professionalità e a non ritenere degno di riconoscimento lo sforzo necessario a creare. Se per loro degli incompetenti con Photoshop sul PC ed un designer di successo sono indistinguibili, allora siamo diretti verso un’epoca buia dell’estetica commerciale.

Immagine CC di .nele

17 dicembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us