Digital Life

L'esercito degli Stati Uniti diventa social

I nuovi reclutatori social.

“Nelle prime tre settimane di addestramento base gli leviamo gli smartphone” dice il generale Freakley, ma non ha un tono soddisfatto. Il “boot camp” è roba eccitante a suo parere e le reclute dovrebbero poter twittare e condividere le proprie sensazioni sui social media.

Il generale Freakley ha un ruolo speciale nell’esercito degli Stati Uniti, è il comandante del dipartimento che si occupa del reclutamento e della relativa propaganda. Lo sforzo di arrivare alle possibili reclute è come sempre intenso e la direzione da intraprendere per catturare l’attenzione di giovani dai 17 ai 24 anni è quella social. “Non guardano neppure la pubblicità. O la saltano grazie a TiVO oppure si attaccano allo smartphone quando è trasmessa in televisione”. Secondo Freakley è necessario permettere una comunicazione diretta con chi indossa l’uniforme, far condividere ai soldati le proprie esperienze sul campo. Grazie ai social media come Twitter, YouTube e Facebook le future reclute capiranno come l’esercito consenta a gente ordinaria di fare cose straordinarie ogni giorno.

Insomma, di fronte al generale c’è il compito di svezzare i reclutatori dell’esercito nel difficile mondo dei social media. Sarà certamente impegnativo, ma nel 2011 è l’unica strada possibile. (ga)

Immagine CC di Us.Army

28 maggio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us