Digital Life

L'Arabia Saudita promulga una legge insidiosa per controllare i social media

Il regime islamico "incarcera" Internet.

Recentemente il ministro della cultura e il sottosegretario all’informazione del regno Saudita sono comparsi in un’intervista di Al-Arabiya per parlare della nuova normativa sulla censura che il governo del repressivo stato islamico ha deciso di istituire.

Questo paese, un regime teocratico ed assolutista, odia a morte i blogger e la cosa non dovrebbe stupire. Chiunque decida di parlare di politica tramite Internet lo fa perchè ha idee molto forti e la convinzione necessaria a dare loro sostanza - e generalmente non sono le stesse idee di chi detiene il potere. Il dissenso in Arabia Saudita è punito anche con la morte, ma la galera è il mezzo più comune di trattare coi ribelli. Lo sanno i blogger sciiti, gli imam con idee contrarie a quelle del regime, gli attivisti dei diritti umani, i secolaristi, i socialisti che osano mettere su schermo le proprie opinioni. E’ sufficiente l’accusa di “Disturbare i terzi” per passare mesi dietro le sbarre.

Con la nuova norma tutti i siti che trattano notizie o politica dovranno registrarsi presso lo stato, per essere messi sotto controllo. I semplici blogger, stando all’intervista, non dovrebbero avere questo obbligo, ma sarà “caldamente consigliato”. Qualsiasi post, tweet, aggiornamento o messaggio che riguardi politica può quindi essere considerato “notizia” e di conseguenza posto sotto osservazione dai censori. La faccenda ha fatto spaventare ed infuriare i blogger sauditi, come è normale, e la risposta del governo è stata fingere di ritrattare: “Non vogliamo porre sotto controllo [gli utenti dei social media], sono troppi per poterlo fare”. E’ facile intuire il vero tono del discorso: Non è che l’idea non ci stuzzichi, è solo troppo difficile da fare, ora come ora.

In definitiva, quello che il regno vuole è mettere nero su bianco quello che preme di più ai suoi gerarchi: avere carta bianca per incarcerare qualsiasi suddito si dimostri infedele al regime con una scusa qualsiasi. Se basta dare un’occhiata al suo account di Twitter, tanto meglio.

Foto CC di Retlaw Snellac

28 settembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us