Digital Life

Israele non vuole Google Street View: aiuta i terroristi

Rischio estremisti per le immagini.

In Israele cresce una polemica con Google: le fotografie dettagliate del servizio Google Street View potrebbero essere utilizzate dagli estremisti per scopi terroristici.

“Nel dibattito sulla sicurezza nazionale, gli esperti puntano il dito contro il servizio online”

Motivi di sicurezza - Ad Israele non piace che le macchine Google, dotate di fotocamere, vadano in giro a immortalare le strade del paese mediorientale per inserirle nella piattaforma di Google Street View: i dettagli e le informazioni potrebbero essere sfruttate da loschi individui a fini terroristici. Proprio in questi giorni monta la protesta, che coinvolge gli esperti di sicurezza israeliani e le intenzioni di Google di ampliare il suo servizio.

Foto della discordia – Mordechai Kedar, un ufficiale di alto grado, ha dichiarato che in passato Israele ha già avuto i medesimi problemi con Google Earth, in quanto può esporre il paese come facile preda del terrorismo. Ma ora anche dei membri del governo, capitanati dal Ministro Dan Meridor, spingono per trovare una collaborazione con Google e risolvere la questione sposando l’implementazione del servizio di Google, con la necessità di sicurezza nazionale di Israele: ”il prima possibile”.

Una via di mezzo – Il gruppo di lavoro sta studiando il problema e considera un’utile passaggio la canonica via di mezzo: incrementare la visibilità dei siti di interesse turistico, assicurando al tempo stesso la pubblica sicurezza omettendo dettagli e immagini dei luoghi a rischio. Il dibattito è aperto ma, nel caso in cui anche le città israeliane finissero nella piattaforma di Street View, potrebbero dunque essere inserite delle ampie restrizioni relative ai siti di interesse strategico e militare, come le basi dell’esercito e i luoghi che svolgono funzioni di difesa territoriale.

Omicidio su Google Street View. Guarda la gallery!

22 febbraio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us