Digital Life

Impiegati col chip sotto pelle

Un’azienda americana offre ai dipendenti la possibilità di farsi impiantare nella mano un microchip che sostituisce chiavi, password e codici di accesso vari. Un’iniziativa che, ovviamente, fa discutere.

Il badge per entrare in ufficio, la chiavetta per la macchina del caffè e la password del computer potrebbero presto diventare pezzi da museo. Ed essere sostituiti da un chip sotto-pelle che contiene tutte le informazioni necessarie per accedere ai sistemi aziendali e ai dispositivo in uso sul posto di lavoro.

dimenticate le password. Uno scenario raccapricciante? Per molti sì, ma sta succedendo proprio in questi giorni in un’azienda di merendine del Wisconsin.

I manager della Three Square Market (32M) hanno infatti proposto ai propri dipendenti l’innesto di un microchip RFID in grado di contenere tutte le informazioni utili alla vita in azienda: password, codici di accesso, autorizzazioni a sbloccare serrature ma anche informazioni sanitarie e mediche come intolleranze alimentari o allergie da comunicare al servizio mensa.

Il chip, grande come un chicco di riso, sarà impiantato con una speciale siringa nella mano dei dipendenti che sceglieranno di aderire al progetto e verrà posizionato nella pelle tra pollice e indice.

Il dispositivo utilizzerà la tecnologia RFID, la stessa impiegata nelle carte di credito e nelle etichette anti-taccheggio. I portatori potranno così aprire le porte dell'ufficio, registrare la propria presenza, sbloccare computer, telefoni e fotocopiatrici, ma anche prendere caffè e snack alle macchinette semplicemente avvicinando la mano al dispositivo che vogliono utilizzare.

Grande Fratello? L’iniziativa ha suscitato grande clamore in tutto il mondo, ma dalla direzione di 32M rassicurano: la privacy dei dipendenti è rispettata. Il sistema infatti è criptato, a prova di hacker e non contiene nessun modulo GPS che possa permettere di tracciare movimenti e posizioni dei portatori. Insomma, è più sicuro di uno smartphone.


Anche perchè i chip non sono collegati a Internet e utilizzano una tecnologia che accetta connessioni solo a brevissima distanza, nell’ordine di qualche centimetro. Per poterli “craccare” occorrerebbe quindi avvicinarsi al portatore con speciali apparecchi in grado di leggerne il contenuto.

L’azienda ti segue ovunque. Ma i dubbi sulla privacy restano: il sistema permette infatti a chi lo gestisce di sapere quante volte un dipendente va in bagno, quante pause caffè fa, che merendine preferisce ecc.


Fredric Kaijser, l’amministratore delegato, da parte sua si dice convinto della bontà dell'iniziativa e per dare l’esempio ai propri dipendenti non ha esitato a farsi impiantare il dispositivo.

L’azienda si aspetta che almeno 50 persone decidano di partecipare all’iniziativa e accettino di farsi "chippare". E intanto ha organizzato, per martedì prossimo, un chip party.

25 luglio 2017 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us