Digital Life

Il simbolo del Cyber Command americano nasconde un misterioso codice

Il motto dell'esercito USA è segreto.

Da un anno circa il governo americano si è impegnato a allestire un Cyber Command, un’unità dedicata a salvaguardare il proprio paese dalle crescenti minacce di tipo informatico che spesso vengono finanziate tanto direttamente quanto in silenzio dalle casse di paesi rivali come Cina e Russia.Il nuovo organo è di tipo militare ed ha preso vita in maggio nella segretissima e protetta base di Fort Meade, nel Maryland. E’ quasi scontato che i suoi progetti, lavori e missioni sono coperti dal segreto. Una sola cosa è certa, si tratta di un corpo scelto di geek e cervelloni, gente che ama gli scherzi ed il mistero esattamente come la media dei navigatori. Non dovrebbe quindi stupire nessuno la presenza di un bizzarro “codice” incorporato all’interno dello stemma del Cyber Command, che Wired ha prontamente segnalato! Sull’anello dorato che circonda la consueta aquila calva (simbolo del paese) sono distintamente leggibili 32 cifre alfanumeriche:

9ec4c12949a4f31474f299058ce2b22a

Cosa vorrà mai dire? Ogni unità ha il proprio motto e questa sequenza è quello del manipolo di nerd militari sulle cui spalle grava la sicurezza informatica del paese. Certo, è uno slogan un po' difficile da urlare durante una carica di cavalleria ... Ma dato il tipo di soldato coinvolto, la possiamo ritenere un evento abbastanza improbabile.“Non si tratta di numeri casuali e si può decodificare per ottenere uno specifico risultato”, queste le parole di un membro della squadra. Se volete provare a crackare il codice, la fonte anonima ha un solo piccolo suggerimento: “C’erano varie proposte differenti, ma alla fine la scelta è caduta su un soggetto ovvio, un concetto indispensabile per un’unità militare... La propria missione!”.Buona fortuna agli impavidi maestri della crittografia che mi leggono!

8 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us