Digital Life

Il primo che muore diventa famoso su Facebook

IfIDieFirst per scrivere un messaggio d’addio.

di
Quante volte ti sei chiesto quali sarebbero le ultime parole prima di passare a miglior vita? Quali messaggi lasceresti ai tuoi cari? Comincia a pensarci, e non perché voglio portarti sfortuna: If I Die è una social applicazione che ti aiuta nella gestione di questo argomento così delicato.

"Un'occasione unica in quest'epoca dominata dai social network"

Messaggi d’addio 2.0

ecco che la tecnologia ti aiuta anche in questo caso

Fra pubblico e privato - Il servizio, in linea di massima, avrà carattere privato visto che i messaggi verranno recapitati direttamente nelle caselle di posta dei destinatari. L’applicazione, in caso di morte dell'utente iscritto, verifica la correttezza dell’informazione chiedendo conferma a tre contatti ritenuti importanti, per poi procedere all’effettiva consegna. L’azienda ha però deciso di istituire una campagna/concorso “If I Die 1st”, il cui vincitore avrà la possibilità di rendere pubbliche le proprie ultime parole a tutta la community. Peccato che per essere il prescelto tu debba essere il primo fra gli iscritti a... morire. Che fortuna, vero?

Meglio non rimandare - L’idea è venuta a Eran Alfonta, Amministratore Delegato di Willook, dopo un incidente automobilistico a lieto fine di alcuni suoi cari amici. Lasciare delle parole d’addio ai propri cari, soprattutto in caso di una morte improvvisa, è il desiderio di molti: dal lancio dell’applicazione nel 2010 a oggi, gli iscritti sono oltre 200.000! Se anche tu senti il bisogno di scrivere qualcosa da inviare a tempo debito, non ti resta che partecipare, ma sappi che solo il primo messaggio è gratis. (sp)

Guarda la presentazione del sevizio "IF I DIE"

23 agosto 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us