Digital Life

Il peso della fama di Facebook: 60.000 server

Come fa fronte alla crescita?

Il popolare Social Network sta crescendo a ritmi vertiginosi: alla conferenza Velocity 2010 una slide senza numeri diretti di riferimento mostra che il numero è circa raddoppiato da Novembre 2009, lasciando pensare che Facebook sia a quota 60.000 server. Una mole enorme, certo, ma per un enorme numero di utenti e di richieste: 400 milioni di attivi, di cui la metà attivi giornalmente, 3 miliardi di upload foto al mese, 1 milione di visualizzazioni foto al secondo, 1 milione di siti che usano Facebook connect, ...

Per confrontarsi con simili gargantueschi numeri, Facebook utilizza diversi approcci. Innanzitutto l'uso di tecnologie particola che diminuiscono la quantità di calcolo richiesta per ogni pagina, come una versione particolare di PHP, chiamata HipHop, oppure un'architettura separata di photo management chiamata Haystack. Poi l'utilizzo di nuovi data center, dato che la crescita è così grande da non poter essere solamente sostenuta da ottimizzazione di algoritmi e codici. Infine, una tecnica usata è anche il ricorso ad ingegneri cinici e pragmatici, che durante le conferenze si lamentano degli scarsi sforzi dei produttori di hardware per risolvere i problemi dei "grandi" del web (come appunto Facebook), come ha fatto Heileger nel 2009.

Lo stesso cinico ingegnere, alla conferenza di quest'anno rivela come Facebook abbia cominciato a pensare ai problemi di scalabilità troppo tardi e sia continuamente con l'acqua alla gola. Ad ogni ingrandimento, tra l'altro, si valuta anche di spostare parte dei dati nel cloud computing, ma finora si è sempre preferito di lasciare tutto nei server Facebook.

30 giugno 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us