Digital Life

Il mercato italiano dei videogiochi secondo AESVI

Venduti 20 milioni di pezzi l'anno scorso.

AESVI (Associazione Editori Software Videoludico Italiana) ha annunciato tramite un comunicato stampa un'anticipazione dei dati del Rapporto Annuale sullo Stato dell'Industria Videoludica in Italia, elaborato da GfK Retail and Technology per il 2010, che verrà reso noto integralmente in primavera.

“Nel 2010 venduti in Italia 33 videogiochi e 5 console al minuto”

Complessivamente l'anno scorso sono stati venduti "20 milioni di pezzi, ovvero 33 videogiochi e circa 5 console al minuto, per un giro d'affari pari a 1,102 miliardi di euro". Chiusura positiva dunque, nonostante una flessione a valore del -2,3%.

"Il 2010 è stato un anno di sostanziale stabilità per l'industria dei videogiochi in Italia: il comparto ha mostrato la sua solidità, superando per il terzo anno consecutivo la soglia del miliardo e cento milioni di fatturato, forte della conquista di nuovi spazi all'interno delle famiglie italiane", ha spiegato il presidente di AESVI, Gaetano Ruvolo.

"In una situazione congiunturale ancora molto difficile, la performance messa a segno nel nostro paese è un risultato decisamente positivo, anche alla luce della grossa frenata dei mercati videoludici più maturi in Europa e nel mondo, già annunciata nelle scorse settimane".

Gli italiani si confermano ancora una volta amanti delle console casalinghe e meno interessati alle console portatili. "Sul fronte dell'hardware si è riscontrata una flessione complessiva del mercato a volume (-7,4%, per un totale di 2.371.186 di pezzi venduti) e a valore (-8,9%, pari a 456.639.015 euro), ma con la conferma appunto del buon risultato delle console da casa (Console Home) rispetto al mercato delle portatili (Console Portable), registrando un +3,8 a volume (pari a 1.443.730 pezzi venduti) a fronte di un lieve calo -1,3 a valore (317.360.205), da attribuire al riposizionamento di prezzo".

Per quanto riguarda il software, "il mercato ha registrato complessivamente una crescita del +2,9% a valore (645.879.231 milione) e di un –1,1% a volume (17.723.166 di pezzi venduti). Nel dettaglio, il mercato dei videogiochi per console (Console Games) ha ottenuto un incremento sia a volume (+1,5%, per un totale di 15.983.417 pezzi venduti) sia a valore (+4,4%, pari a 605.628.153 milioni di euro), sostenuto dal segmento home, ovvero dai videogiochi per console fisse, che ha fatto registrare un + 9,6% a volume (11.528.296 pezzi venduti) e un +12,6% a valore (485.811.832 milioni di euro), confermando la preferenza degli italiani per il gioco casalingo".

In calo, invece i giochi PC, "che segnano un -19,9% a volume per un totale di 1.739.749 pezzi venduti, e un -15,4% a valore, pari a 40.251.078 milioni di euro. Calo che è determinato in parte dall'impatto della pirateria, in parte dal fatto che questa rilevazione si riferisce soltanto ai canali di distribuzione "fisici" e non include l'online, verso cui si sta ormai orientando il mercato PC".

Nel 2010 i giochi più venduti in Italia sono stati rispettivamente Pro Evolution Soccer 2011, FIFA 11 e Call of Duty: Black Ops. Quarto Gran Turismo 5, quinto Assassin's Creed: Brotherhood, sesto Wii Party, rispettivamente settimo e ottavo Pokémon Argento e Oro; nono Dante's Inferno, decimo Super Mario Galaxy 2.

Fonte: AESVI/GfK

17 febbraio 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us