Digital Life

Il flop di Google Buzz e Facebook Lite

Guai per i due siti social.

Due delle ultime novità nei Social Media, Buzz di Google e Facebook Lite, non stanno rispondendo alle aspettative dei loro inventori. La versione smilza di Facebook ha già chiuso i battenti, mentre il servizio social di Google è praticamente composto da una continua pubblicazione, in automatico, dei contenuti.

“L'89% dei post su Buzz non è "umano"”

Su Buzz siamo tutti bot? - Stando infatti a parecchi studi di società di analisi ed esperti dei Social Media, la maggior parte dei post su Buzz proviene da Twitter o news feed: gli utenti di Buzz postano i loro tweet, così non devono aggiornare ciascun servizio, mentre i siti postano gli articoli attraverso l'RSS, senza aggiungere contenuti inediti. Si stima che circa l'89% dei contenuti di Buzz sia oggi generato in automatico.

Leggero ma già morto - Invece Facebook ha chiuso la sua piattaforma light, pensata per agevolare il microblogging e soprattutto per venire incontro agli utenti con connessioni lente. Facebook Lite era molto più basilare, con funzioni molto ridotte rispetto al fratello maggiore: gli utenti scrivevano sul loro wall, postavano foto, video e vedevano i profili altrui. Ma non c'erano applicazioni, che vanno tanto per la maggiore sul network sociale.

Era una furbata - Però le premesse di un Facebook più semplice e leggero sembravano ottimali. Infatti Facebook Lite non era tra i siti nella lista nera delle perdite di tempo in ufficio: gli utenti potevano collegarsi alla versione Lite anche quando Facebook era inaccessibile perché bloccato.

21 aprile 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us