Digital Life

I motori di ricerca modificano la memoria?

Le ricerche online modificano il cervello.

Oggi tutti conoscono e usano in gran parte Google, ma il Web è pieno di motori di ricerca, metamotori, crawler e altri strumenti che servono per interrogare la Rete. Un test dice che però ci fanno dimenticare fatti e nozioni.

“Uno studio psicologico dice che le ricerche su Web modificano il funzionamento del cervello”

Google e i suoi fratelli – I motori di ricerca sono fondamentali per ripescare le informazioni sul Web, ma avrebbero anche una spiacevole conseguenza: non ci farebbero ricordare molti dati, fatti, avvenimenti o semplici nozioni. Anche se la tecnologia alla base è progettata per semplificare la ricerca, basta pensare ad esempio all’autocompilazione del testo nella stringa di ricerca, in realtà complicherebbe il modo con cui la memoria umana gestisce le informazioni.

Si dimenticano le cose - Un recente esperimento psicologico mostrerebbe infatti che l’uso di Google e di altri motori di ricerca è la causa della scarsa memoria: dato che il cervello è conscio che le informazioni si possono trovare online, sceglie di dimenticarsele.

Test sul campo - Ad un gruppo di studenti sono state sottoposte alcune nozioni in stile Trivia Pursuit: “Sul biglietto da visita di Al Capone c’era scritto che era un venditore di mobili” e altre notizie del genere. A molti è stato detto che le informazioni sarebbero state cancellate, ad altri invece che avrebbero potuto cercare tali informazioni anche in seguito. Risultato? Gli studenti che sapevano che le informazioni sarebbero andate perse ricordavano meglio i fatti: circa il 40% in più di chi sapeva di poter ricercare tali dati successivamente.

15 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us