Digital Life

I Google Games sono all’orizzonte

I videogame del futuro saranno firmati Google?

Google che fa… entra o non entra nel settore dei videogiochi? Se ci fosse ancora qualche dubbio a riguardo, l’annuncio appena pubblicato per la ricerca di un Games Product Manager chiarisce meglio le intenzioni ludiche di Mountain View.

“I giochi di Google sarebbero accessibili da ogni dispositivo: computer, smartphone, tablet e TV”

Il gioco si fa duro - Ebbene sì, Google sta cercando un Product Manager per il settore Games. Un indizio che unito all’investimento di 100-200 milioni di dollari in Zynga l’anno scorso, all’acquisizione di Slide - azienda specializzata nello sviluppo di giochi per i social, e all’assunzione di Mark DeLoura - un veterano del settore video ludico - lascia ben poco alla fantasia: Mountain View sta pianificando il suo ingresso nel mercato dei videogame.

Multipiattaforma - L’aspetto più interessante di tutta la faccenda è la vastità delle opportunità offerte dalle piattaforme tecnologiche di Google: computer, smartphone, tablet e TV. Il colosso di Mountain Views può contare, per desktop e soprattutto portatili, sul browser e sul sistema operativo Chrome OS. Ci sono poi Android per cellulari e tablet e la Google TV. È probabile che nelle intenzioni di Google ci siano giochi sviluppati in HTML5, JavaScript e CSS3 che, tradotto in pratica, significa che funzionerebbero ovunque e su qualsiasi dispositivo, non solo firmato Google.

Multiplayer estremo - Non bisogna, infine, sottovalutare il fatto che si tratta di Google la cui presenza sul web è capillare. Un dettaglio che apre uno scenario all’insegna del multiplayer davvero estremo, nel senso che tutti, da qualsiasi dispositivo, potrebbero sfidarsi online. L’unico limite di Google, almeno al momento, è la mancanza di una vera rete sociale in grado di offrire un ambiente ideale alla diffusione dei giochi così come è avvenuto con Facebook. Staremo a vedere… (pp)Silvia Ponzio

27 aprile 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us