Digital Life

Hashtag adieu. I francesi usano “mot-dièse”!

La tradizione ufficiale è mot-dièse.

di
L’hashtag di Twitter non è riuscito a superare lo scoglio della pignoleria francese. Da oggi in poi il suo uso sarà vietato per legge. O meglio: si chiamerà “mot-dièse”, dove “dièse” sta per cancelletto (#) ma in senso musicale (diesis).

"Una traduzione
che hanno
criticato in molti"
Affari di Stato - La questione è molto più seria di quello che immagini. La Commissione Generale francese per la terminologia e i neologismi ne ha combinata un’altra delle sue e ha pubblicato la sua decisione sulla Gazzetta Ufficiale. Il temine “hashtag”, che su Twitter, indica il cancelletto - e che a sua volta conferisce importanza a una parola - sarà sostituito da “mot-dièse”.

Come isolarsi dagli altri - La Commissione ha anche stilato una definizione, che però fa riferimento al “tweet” che recita così: «una serie di caratteri senza spazi preceduti dal simbolo # che segnala un soggetto d’interesse all’interno del messaggio dell’autore al fine di facilitarne la ricerca». La parola va ad aggiungersi alla lista di altri neologismi che sostituiscono quelli anglofoni, come “ordinateur” (computer), “logiciel” (software), “courriel” (email), “souris” (mouse) , “clavier" (tastiera), e “clavardage” (chat).

Contenti loro - A dir la verità i dubbi ci sono, e le prese in giro - così come le lamentele - non hanno tardato ad arrivare. Anche i puristi della lingua di Molière, teoricamente d’accordo, hanno avuto da ridire: il cancelletto, infatti, in francese si traduce con “croisillon”, e non con “dièse” che invece è il simbolo - graficamente simile ma non uguale - utilizzato nel solfeggio musicale. (sp)

Tre segreti per creare video virali su YouTube

27 gennaio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us