Digital Life

Google video chiude, lunga vita a Youtube

Youtube batte Google Video che è costretto a chiudere i battenti.

Google sta facendo le pulizie di primavera: il primo prodotto ad andare in pensione è Google Video, che verrà formalmente chiuso entro il 29 aprile 2011.

“Il servizio di video sharing andrà in pensione a favore del leader dei filmati online”

C’è ancora tempo – Chi comunque intende scaricare o visionare l’ultima volta un filmato postato sul servizio di Google ha tempo fino al prossimo 13 maggio, dopo di che il portale video di Google scomparirà definitivamente. Il servizio di Google andrà a finire in quel gigantesco archivio delle mode passate sul web, lasciando spazio in azienda al suo cugino di successo: Youtube. Anche Youtube è un prodotto di proprietà di Mountain View e oggi è una delle realtà più importanti del web: la prima risorsa video.

Notizia nell’aria – La chiusura di Google video non stupisce gli addetti ai lavori: già al momento dell’acquisizione di Youtube da parte di Google si prennunciava uno smistamento del business aziendale dal prodotto a marchio Google al più noto e nuovo acquisto. Dal prossimo 29 aprile i filmati caricati tra il 25 gennaio 2005 e maggio del 2009, ultima data che era disponibile per effettuare un caricamento, non saranno più visualizzabili sul web, gli utenti hanno comunuque altre due settimane di tempo per salvare i propri filmati dall’oblio digitale.

Scelta strategica – La soluzione optata da Google è meramente pecuniaria: Google Video ormai funzionava solo come motore di ricerca dei video già presenti all’interno dei server del servizio di Mountain View, mentre la crescita di Youtube non si è mai arrestata: 144 milioni di visitatori unici al giorno, 1.2 miliardi di video visualizzati quotidianamente, 200 milioni di filmati disponibili al momento. (pp)Niccolò Fantini

Gli sfondi più belli per Google. Guarda la gallery!

19 aprile 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us