Digital Life

Google Share e +1. Qual è la differenza?

Non mi piace ma lo condivido...

di
Google, che si è da poco rifatto il look, ha rilasciato il codice per aggiungere un nuovo pulsante a siti e blog. Cosa cambia rispetto al "vecchio" +1?

"Condividere e apprezzare, per Google non è la stessa cosa"

Share -

Non è +1 - In molti si chiederanno a cosa serva questo bottone, visto che c'era già il famoso +1. Il pulsantino per lo share su Google+, infatti, si aggiunge all'altro e non lo sostituisce. La risposta è semplice: per Google condividere non è uguale ad apprezzare. Mettiamo il caso in cui, navigando sul web, troviamo un articolo su un argomento che ci interessa ma con posizioni molto diverse dalle nostre. Oppure un post pieno di informazioni sbagliate, o di roba offensiva. Magari ne vorremmo parlare con amici e colleghi su Google+, ma senza apprezzare l'articolo esplicitamente. Ecco che il pulsante GShare ci viene incontro.

La qualità ringrazia - Questa nuova procedura serve a Google per capire cosa ci piace veramente e cosa semplicemente ci interessa. Una differenza non da poco, che permette poi al gigante della search di raffinare ulteriormente i risultati delle nostre ricerche. Ma serve anche a dare il giusto peso agli autori dei contenuti che vengono pubblicati sul web. Fino ad oggi, infatti, per condividere un articolo su Google Plus dovevi esprimere implicitamente il tuo apprezzamento nei confronti dell'autore del pezzo, con un bel +1. Adesso non è più così e Google potrà finalmente capire chi sono gli autori che piacciono e quali, invece, alzano solo un gran polverone. Qualcuno ha pronunciato le parole "Author Rank"? (sp)

26 aprile 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us