Digital Life

Google protesta contro il Sopa

Anche Google contro la legge antipirateria

Il gigante dei motori di ricerca si aggiunge alla lunga lista di aziende attive sul web, grandi e piccole, che si oppongono alla nuova legge americana "Sopa" - Stop online piracy act - che se fosse approvata limiterebbe moltissimo la condivisione dei contenuti su internet. La protesta, che è visibile solo sulla versione "punto com" del sito, consiste in un link che punta ad una pagina in cui si spiegano le ragioni del no al Sopa.

“Ci sono altri modi per combattere la pirateria online”

Sopa? No grazie - Alla fine anche Google ha preso una posizione nei confronti del Sopa, la legge statunitense contro la pirateria online che se fosse approvata restringerebbe di molto la libertà sulla rete. Una legge che, tra l'altro, la rete stessa non vuole, almeno stando alle migliaia di articoli, post sui blog e sui social network che chiedono che il Sopa venga ritirato. La legge, in effetti, avrebbe un effetto pesantissimo sul web per come lo conosciamo oggi perché darebbe il permesso al Dipartimento di Giustizia americano e ai detentori dei contenuti protetti da copyright di vietare alle agenzie di pubblicità o ai sistemi di pagamento - carte di credito e PayPal, ad esempio - di fare affari con un sito sotto accusa per violazione del diritto d'autore. Impedirebbe poi ai motori di ricerca, Google incluso, di offrire link ai siti incriminati. Se il vostro sito finisce sotto la lente di ingrandimento del Sopa, quindi, sparisce dal web e gli tagliano la pubblicità.

Modi più intelligenti - Google ha anche spiegato perché il Sopa non gli piace. In una nota rilasciata ieri alla stampa americana, che ha fatto il giro del mondo, il motore di ricerca fa sapere: ''Come molte altre aziende, imprenditori e utenti del web, ci opponiamo a questi disegni di legge perchè ci sono altri modi intelligenti e mirati di chiudere i siti esteri non autorizzati senza chiedere alle società americane di censurare Internet. Domani ci uniremo a molte altre web company e metteremo in rilievo il tema sulla nostra homepage Usa''.

Tutti contro? - Prima di Google si erano espressi per il blocco del Sopa altri giganti di internet come Wikipedia, che partecipa alla protesta con un blackout 24 ore. Chi cerca una pagina sull'enciclopedia libera, infatti, viene reindirizzato verso una pagina che spiega le ragioni per dire no al Sopa. Ma ci sono anche altri big di internet con una posizione più morbida.

Twitter, ovviamente tramite un twit, ha fatto sapere che è contro la legge ma non chiude bottega per protesta. Dick Costolo, Ceo del fringuello, ci ha messo anche meno di 140 caratteri per spiegare le sue ragioni: "Chiudere un business globale in reazione a una politica di una singola nazione, è folle".

Murdoch a favore - Un grande sponsor del Sopa, invece, è il magnate australiano dei media Rupert Murdoch. Il titolare di News Corporation i 140 caratteri di Twitter li ha usati quasi tutti per dire, contemporaneamente, che il Sopa si deve approvare subito e che Google guadagna indirettamente dalla pirateria online: "Google è leader in fatto di pirateria: distribuisce film gratuitamente e vende gli spazi pubblicitari costruiti intorno ad essi".

LE TOP GALLERY DI JACK

18 gennaio 2012

Codici Sconto

74 Coupon e Nuovi Sconti
Codice Sconto Mediaworld

Codice Sconto Mediaworld

Coupon MediaWorld Compleanno 10€

Codice Sconto Unieuro

Codice Sconto Unieuro

Voucher Unieuro -100€ su Motorola razr 50 Ultra

Codice Sconto ePRICE

Codice Sconto ePRICE

Sconti ePRICE fino al 25%

Coupon HP Store

Coupon HP Store

Codice Sconto HP fino al 20% su Tutto

Coupon Huawei

Coupon Huawei

Codice Sconto Huawei del 12% - Riservato

Coupon Comet

Coupon Comet

Codice Sconto Comet 10 euro

Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us