Digital Life

Google Plus troppo simile a Facebook?

La rivolta parte dai temi caldi: troppo frivoli.

di
Google Plus inizia a popolarsi anche nel nostro paese. Ma la differenza di contenuti tra la versione italiana e quella americana è enorme. Tra i temi caldi ci sono un sacco di gattini e barzellette.

"Ogni paese ha il social network che si merita?"

G+ all'italiana -

Temi caldi - La scarsa qualità sta nei contenuti pubblicati da molti utenti, che stanno replicando in maniera quasi speculare quanto normalmente fanno su Facebook. Lo si vede, soprattutto, tra i "Temi caldi". Cioè quei post che hanno ricevuto molti +1, share e commenti e finiscono nella sezione "Esplora" della barra laterale. In Italia - anche in America, ma molto molto meno - tra i temi caldi spopolano gattini, barzellette, neonati tenerotti e roba simile. Proprio le cose che stanno distruggendo Facebook - e anche Twitter, dove è sempre più difficile dividere il buono dall'inutile - e che potrebbero far fuori il progetto che sta alla base di Google Plus.

Dove sta il problema? - Si dirà: che c'è di male se i gattini e i neonati piacciono e finiscono tra i temi caldi? In teoria nulla, in pratica molto. Google Plus non è Facebook. Non si tratta di essere snob, ma Facebook è un mondo chiuso, dove ciò che ci piace e condividiamo non esce dalla cerchia dei nostri amici. Plus è collegato alla ricerca che, ormai, è sociale. In Italia non ancora del tutto, visto che non è ancora arrivato Search Plus Your World. Quello che gli italiani non sanno - perché ragionano con la mentalità dell'utente di Facebook - è che ogni +1, commento o share su un post divertente, ma sostanzialmente inutile, se lo ritroveranno un giorno nella propria ricerca. Succederà così che, quando cercheremo qualcosa di serio e di importante su Google Search, tra i primi risultati troveremo i gattini, i neonati tenerotti e le barzellette. Perché è questa la ricerca sociale: tu chiedi, Google risponde in base a quello che hai mostrato di gradire e in base a quello che hanno pubblicato le persone che segui su Plus.

Partono le critiche - Tra l'altro finire tra i temi caldi ha anche un risvolto non indifferente per chi scrive o lavora su internet: se riesci a piazzare un post con un link a un articolo tra i temi caldi è assai probabile che riceverai molte visite al tuo sito. E per questo erano nati gli "Hot" su Google Plus: per premiare chi scriveva cose interessanti. Nel frattempo, però, il malessere dei "duri e puri" di Google+ inizia a farsi sentire.

Venerdì sera tra i temi caldi è entrato - e c'è rimasto per tutto sabato - un post dal titolo "Temi caldi » Al peggio non esiste fine". Sono stati in molti a dare ragione all'autore del post, che ha ricevuto circa 250 +1 e oltre 200 commenti. E c'è già chi pensa che Google debba fare qualcosa per filtrare veglio questa sezione del suo social. (sp)

Dieci trucchi per usare Facebook al massimo

25 giugno 2012

Codici Sconto

74 Coupon e Nuovi Sconti
Codice Sconto Mediaworld

Codice Sconto Mediaworld

MediaWorld Coupon del 15% sugli smartphone

Codice Sconto Unieuro

Codice Sconto Unieuro

Voucher Unieuro -100€ su Motorola razr 50 Ultra

Codice Sconto ePRICE

Codice Sconto ePRICE

Sconti ePRICE fino al 25%

Coupon HP Store

Coupon HP Store

Codice Sconto HP Store Days fino al 15% EXTRA

Coupon Huawei

Coupon Huawei

Codice Sconto Huawei del 12% - Riservato

Coupon Comet

Coupon Comet

Codice Sconto Comet 10 euro

Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us