Digital Life

Google Plus cambia look. Sembra Facebook!

Più spazio alle immagini e alla personalizzazione

di
Google ha appena rilasciato un importante aggiornamento dell'interfaccia del suo social Plus, completamente ridisegnata e con molte novità rispetto a ieri. A colpo d'occhio è sempre più simile a Facebook. Ma perché?

"Google Plus ora è più semplice per chi è abituato a Facebook"


FacePlus -

quello con la timeline che sta facendo impazzire milioni di utenti

Cerchia le novità - Il nuovo profilo di Google+ ha adesso una foto grande e ben in vista - ma è a destra e non a sinistra come su Facebook - e uno sfondo. Che non deve più essere per forza sezionato in slide, come era prima, ma può essere una sola immagine da 940x180 pixel. A sinistra spunta una nuova barra che contiene i pulsanti delle principali funzioni: Home, Profilo, Videoritrovi, Foto, Cerchie. Tutta roba che prima era posizionata in testa allo stream e ora ti segue durante lo scrolling della pagina. Molto più comodo. C'è poi anche la nuova funzione Esplora che raccoglie tutti i "temi caldi" di Google Plus, che continuano però a essere sparsi anche nello stream. L'ultimo pulsante è una sorta di jolly che serve alla personalizzazione della barra e funge da raccoglitore di applicazioni e funzioni che si usano meno spesso. Altro dettaglio molto utile: è possibile infilare e togliere di tutto in e da questa sezione della barra. E, finalmente, si può accedere alle proprie pagine in un solo clic. Ma per uscire da una pagina bisogna andare nel menu a tendina in alto a destra. Ultima cosa molto simile a Facebook è la barra della chat, sulla destra. Infine un piccolo giallo: a che serve tutto quello spazio bianco? Google assicura che non servirà a metterci la pubblicità ma sarà sfruttato per altre funzioni interessanti. E c'è già chi parla della possibilità di infilarci i videoritrovi senza uscire dal proprio stream.

Perché cambiare? - Un po' tutti si chiedono perché Google abbia deciso di rivoluzionare Plus per renderlo molto meno differente da Facebook. La risposta è semplice: per renderlo simile a Facebook. Dopo mesi di sviluppo del prodotto Google si è arresa al fatto che Plus pur essendo un servizio per molti versi grandioso - e che ha un'idea ancor più grandiosa alle spalle, cioè fondere il social con la search - non era abbastanza facile da usare per l'utente comune. Che non è l'autore, chi sul web ci lavora e con il web ci campa. Google ha pensato all'autore fin dall'inizio, dando la possibilità di farsi valere con un profilo unico e riconoscibile - quello di Plus - e una ricerca che inizia a capire - con Search Plus Your World - il valore di chi scrive e condivide i contenuti migliori.

Ora Plus deve diventare di tutti e, per farlo, deve tradire un po' se stesso e assomigliare a Facebook. E poco importa se in queste ore G+ è pieno di messaggi del tipo "ma che diavolo è successo qui? mi sembra di stare su facebook!". (sp)

12 aprile 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us