Digital Life

Google e Microsoft dichiarano guerra alla pedopornografia

Tutto merito di un algoritmo in grado di bloccare oltre 100.000 termini solitamente usati per cercare immagini pedopornografiche sul Web.

Basta foto e video a uso e consumo dei pedofili. È la promessa di Eric Schmidt, presidente di Google, che ha annunciato un inasprimento dell'algoritmo del motore di ricerca più usato del mondo. E gli fa eco Microsoft che ha dichiarato di aver adottato provvedimenti simili al suo Bing.

Le due iniziative arrivano dopo una strigliata da parte del premier britannico David Cameron che - l'estate scorsa - si lamentava, in particolare con Google e Microsoft di non fare abbastanza per contrastare questa terribile piaga. I due colossi da soli, infatti, gestiscono il 95% delle ricerche Internet a livello mondiale.

La promessa di Google arriva dalle colonne del quotidiano britannico Daily Mail in vista di un incontro tra David Cameron e i principali motori di ricerca proprio sulla pornografia sulla rete. Eric Schmidt spiega che, negli ultimi tre mesi, il colosso di Mountain View ha mobilitato oltre 200 sviluppatori per realizzare un nuovo algoritmo in grado di bloccare oltre 100.000 termini solitamente usati per cercare immagini, ma anche video, che ritraggono abusi sessuali nei confronti dei minori.

Il Presidente di Google ha precisato che le nuove restrizioni saranno applicate inizialmente ai motori di ricerca dei Paesi di lingua inglese e si estenderanno nell'arco di sei mesi al resto del mondo, per un totale di 158 lingue. Anche gli ingegneri di YouTube si sono messi al lavoro per sviluppare una nuova tecnologia per identificare video pedopornografici caricati sui siti di video sharing.

Microsoft, da parte sua, ha dichiarato di aver adottato provvedimenti simili per il suo motore di ricerca Bing. L'azienda di Redmond nel 2009 - insieme alla software house NetClean - aveva già sviluppato una tecnologia chiamata PhotoDNA con l'obiettivo di aiutare le forze dell'ordine a individuare e rimuovere immagini in cui sono ritratti minori in modo da combattere lo sfruttamento sessuale dei bambini sulla rete. Un software che nel tempo hanno adottato anche altre aziende, tra cui Facebook.

Ti potrebbero interessare anche

Presi nella Rete del sesso
VAI ALLA GALLERY (N foto)

ASCII porn: il porno online a punti e virgole
VAI ALLA GALLERY (N foto)

18 novembre 2013 Silvia Ponzio
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us