Digital Life

Google entra in Iran

Stop alla censura Google sbarca in Iran.

Il gigante di Mountain View ha deciso di consentire il download di alcune sue applicazioni come segno di protesta contro la censura che vige nel paese medio-orientale.

“Restano ancora off limits YouTube e GMail e molti altri servizi web di social networking”

Strappo alla regola - Da quando gli Stati Uniti hanno interrotto i rapporti commerciali con il governo di Teheran nel 1987, Google è la prima azienda a stelle e strisce a infrangere, almeno alla luce del sole, questa regola. Google ha quindi reso disponibili per il download tre delle sue applicazioni di punta: Google Earth, Picasa e il browser Chrome per gli utenti iraniani. In realtà, analizzando la questione un po’ più da vicino, non si tratta di una reale violazione delle restrizioni visto che i programmi di Mountain View sono gratuiti per uso personale e non commerciale. Inoltre, come spiega Neil Martin sul blog ufficiale di Google, l’azienda ha ricevuto il completo benestare dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. L’obiettivo è di offrire agli iraniani “più scelta, più libertà e più potere individuale”.

Attacco al regime - Nonostante questo strappo alle regole che può anche essere letto come una sfida diretta al regime iraniana, Google continuerà a rispettare la volontà di Teheran di bloccare tutti gli indirizzi IP riconducibili alle autorità del paese. Restano ancora off limits per gli utenti iraniani i servizi di YouTube e GMail.

Le spie di Facebook. Guarda la gallery!

19 gennaio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us