Digital Life

Google dichiara guerra alla pirateria online

Ora anche Big G ha interesse a fermare la pirateria.

di
Il motore di ricerca ha annunciato un nuovo criterio di ranking: i siti che riceveranno ripetute segnalazioni per violazioni del diritto d'autore saranno sbattuti in fondo alla pagina dei risultati.

"Da quando Google vende film e musica ha a cuore il diritto d'autore"

Stop ai pirati -

grande guerra tra le major del cinema e della musica e i pirati elettronici

Copy Rank - Google infatti, con un post sul blog ufficiale di Search, ha annunciato che d'ora in poi i siti con numerose e costanti richieste di rimozione di contenuti per violazione del copyright saranno penalizzati rispetto agli altri "puliti". Google afferma di essere ora in grado di combattere la pirateria grazie all'aumento delle segnalazioni: negli ultimi 30 giorni ne ha ricevute 4,3 milioni. Siamo di fronte alla nascita di una sorta di "Copy Rank", un Page Rank dedicato alla classificazione dei siti in base al loro rispetto del diritto d'autore.

Google ci guadagna - Oltre all'aumento delle segnalazioni, però, c'è anche un motivo tutto economico e commerciale dietro questo clamoroso dietro front di Google che, in passato, aveva tentato di resistere alle pretese dell'industria cinematografica e musicale. Procurandosi anche qualche guaio giudiziario. Google, da qualche mese a questa parte, infatti, ha iniziato a far sul serio - ma non ancora in Italia - con il suo Play, lo store in cui vende anche musica e film. Avere un web pieno zeppo di contenuti illegali e gratuiti, quindi, non fa certo bene agli affari di nessuno. Google compresa.

Servirà? - Non è detto, però, che l'ultima mossa di Google serva realmente a qualcosa. Abbassare il ranking dei siti pirata, infatti, potrebbe non bastare visto che questi siti vengono raggiunti dagli utenti immettendo chiavi di ricerca abbastanza specifiche. E di per sé già "pirata". Un utente che cerca un torrent di un film, infatti, cerca il nome del film e la parola "torrent", se cerca una canzone scrive "mp3". A meno che Google non metta un filtro alle parole che noi cerchiamo, quindi, chi vuol trovare trova lo stesso. Che poi il sito che spaccia torrent sia sbattuto molto più in basso rispetto a un sito di recensioni cinematografiche o musicali poco importa: se voglio una recensione di una canzone cerco le parole "canzone recensione" e non "canzone mp3" o "canzone torrent"...

L'altra faccia della medaglia - Dall'altro lato, però, questo aggiornamento dell'algoritmo potrebbe avere un risvolto assai poco positivo. Vi faccio un esempio personale, che mi è capitato qualche anno fa. Avevo visto su un programma di Mediaset un video contenente delle informazioni a mio avviso del tutto distorte e fuorvianti. Ho montato un altro video, prendendo parti dell'originale e commentandolo con altri contenuti prodotti da me per un totale di circa un minuto "copiato" su sei minuti totali. Ho pubblicato il mio video sul mio blog e ho ottenuto molte condivisioni e apprezzamenti per aver ristabilito la verità dei fatti. Dopo qualche settimana mi arriva una segnalazione su YouTube: Mediset e RTI lamentavano la violazione del diritto d'autore per quel video. Ho compilato il modulo di risposta spiegando che sono un giornalista e ho fatto solo il mio mestiere, usando appena un minuto di Mediaset sui sei totali. Non è servito a nulla, ho dovuto rimuovere il video per non farmi bloccare l'account YouTube. Bene, come si comporterà il nuovo algoritmo di Google in questi casi? (sp)

Trucchi per evitare il surriscaldamento del tuo computer

13 agosto 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 31,90€
Follow us