Digital Life

Google+ cerca di capire come gestire i nomi falsi

Vietati gli pseudomini

La prima comunità online di importanza significativa a trattare i nomi falsi come inaccettabili è stato Facebook ed è chiaro che tale decisione ha fatto la storia. Google+ dal canto suo non sembra avere completamente deciso quale potrebbe essere la vera politica sull’identità all’interno del network. In effetti, neppure la politica di Facebook ha davvero successo: di fronte all’asinina severità delle regole del network, io vedo migliaia di nomi falsi completamente assurdi e facilmente identificabili, che non servono a nulla, neppure a preservare la privacy degli utenti che confondono lo pseudonimo con la sicurezza dei propri dati personali.

E’ dura tenere d’occhio centinaia di milioni di personalità, Google+ è più piccolo e le decisioni dure sono invece più sentite dagli utenti, una vera e propria elite digitale. Purtroppo gli interventi contro i nomi falsi sono goffi ed incomprensibili: pseudonimi usati da gente vera che preferisce usare il nome con cui sono più conosciuti online vengono banditi, mentre profili con nomi di personaggi storici sono lasciati in pace. Secondo Vic Gundotra, uno dei capi sviluppatori, l’idea non è eliminare tutti i nomi falsi, ma stabilire un tono per il network. Tutti i caratteri strani e i nomi offensivi, i profili chiaramente falsi vanno eliminati. Google+ deve sembrare un posto “normale” e non la consueta tana per geek che spaventa la gente comune. Purtroppo quello che è mancato è la capacità di parlare col proprio pubblico, bandire senza spiegazioni non è mai il caso in un social network.

Chi vorrà uno pseudonimo, potrà farlo: l’idea è stabilire un campo apposito nel futuro immediato.

26 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us