Digital Life

Google: censura anti pirati nelle ricerche

Google acconsente a bloccare i risultati del suo motore di ricerca.

Le major cinematografiche e musicali sono sul piede di guerra. Troppi utenti scaricano contenuti a sbaffo. Così Google acconsente a bloccare nei risultati del suo motore di ricerca alcuni termini che poterebbero a contenuti illegali.

“Se il blocco l’avesse studiato Google sarebbe molto più restrittivo”

Bloccare i torrent - È notizia di ieri che un videogioco su quattro è pirata causando danni per 1,45 miliardi di dollari secondo la UKIE, l'organizzazione inglese che riunisce i publisher di videogiochi. Ma la pirateria colpisce tutti dalle major di Hollywood ai colossi musicali. Google risponde alle pressioni del settore multimediale, e non solo, iniziando a oscurare dal suo motore di ricerca la funzione di auto completamento o di ricerca istantanea di alcuni termini, assolutamente legali, come “bittorrent”.

Soluzione “soft” - Si tratta di una soluzione molto all’acqua di rosa perché se è bloccato il termine “bittorrent” non lo è per esempio “torrent" , mentre rientrano della lista nera servizi come Rapidshare e Megaupload e non altri come Drop.io e Hotfile. Il sospetto che l’elenco dei termini incriminati arrivi direttamente da funzionari della aziende che producono film e musica, poco ferrati dei meccanismo del web, e non da Mountain view che avrebbe fatto sicuramente adottato una selezione molto più efficace. Una soluzione molto “soft”, insomma, come una sorta di contentino, ma c’è da chiedersi se Google potrà mai piegarsi e adottare sistemi molto più restrittivi.

Silvia Ponzio

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

Kim Kardashian su Bing. Guarda la gallery!

27 gennaio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us