Digital Life

Gli utenti di Facebook preferiscono il sesso

I contenuti sexy sono i più condivisi.

Dan Zarrella, scienziata dei social media, ha usato uno strumento già usato per tracciare i profili Twitter degli utenti, per delineare i tratti psicologici degli utenti di Facebook. I risultati dicono che gli status/link contenenti elementi sessuali vengono condivisi su Facebook molto più spesso rispetto alla media degli altri contenuti. Ogni contenuto sexy, infatti, ha il 90% di possibilità in più essere condiviso, al contrario degli elementi personali o che fanno riferimento a semplici attività quotidiane.

Se da un lato questa ricerca dice poco e nulla agli utenti, dall'altro è molto importante per il marketing in quanto rivele le abitudini di navigazione delle persone e in che modo alcuni messaggi abbiano visibilità maggiore rispetto ad altre. Ma si tratta veramente di un risultato inaspettato? Dopo decenni di pubblicità allusive, messaggi subliminali e (ab)uso estensivo di messaggi sessuali, non è questo risultato solo l'ennesima conferma di ciò che i pubblicitari già sanno da tempo (e sfruttano a dovere)?

4 maggio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us