Digital Life

Famosi su Facebook senza fatica

Come diventare famosi senza fare nulla.

La teoria che va per la maggiore è che più ti dai da fare su Facebook e più aumenta la tua popolarità e il tuo seguito di amici. E se vi dicessimo che esiste un modo “controtendenza” per avere successo che non costa la minima fatica e che offre gli stessi risultati?

Andate e socializzate? - Ecco una domanda che si fanno spesso i frequentatori del social di Mark Zuckerberg: «Come posso aumentare la mia popolarità su Facebook?». Bella domanda. Basta fare una ricerca sul web per scoprire centinaia di guide con una vagonata di consigli che ti insegnano come diventare qualcuno sul social. È semplice, in fondo, basta migliorare il proprio profilo, non perdere mai un'occasione per farti notare, cercare di essere sempre simpatici e presenti, socializzare interagendo spesso e volentieri con i propri amici per farteli ancora più amici. C'è però una teoria in controtendenza che spiega come diventare popolari senza fare assolutamente nulla. Vediamo di cosa si tratta.

Basta uno scatto - Uno dei pilastri della popolarità su Facebook nasce da una buona immagine del profilo. E fin qui non ci piove. Quando qualcuno ti cerca e poi ti aggiunge alla sua cerchia di amicizie, è la prima cosa che vede di te. Non vede le centinaia di immagini che hai cambiato nel corso del tempo - magari ogni giorno - ma vede quella hai scelto per il tuo profilo in quel momento. Quando poi siete diventati amici scoprire che hai solo quell'immagine non fa più una grande differenza. Il vantaggio di avere una sola foto, ma una davvero giusta e possibilmente intrigante, aumenta il mistero di una persona che sembre essere il vero segreto per diventare popolari in un ambiente sovraffollato e caotico come Facebook.

Fatevi desiderare - Ti arriva una richiesta di amicizia, che fai? Rispondi subito ovviamente. Sbagliato! Chi risponde immediatamente e senza batter ciglio è spesso considerato patetico, come se non aspettasse altro dalla vita che quella notifica. Se lasci passare un po' di tempo, invece, il tuo “potenziale amico” vivrà questa attesa con maggiore ansia e desidererà ancora di più entrare a far parte delle tua cerchia di amicizie. Lasciarlo un po' sulle spine non può che fargli bene.

Stato solido - Le persone più popolari su Facebook non sono quelle che blaterano senza sosta su cosa hanno fatto in ufficio o su quanto sia bella o brutta la vita a seconda di come gira il vento.

Una persona popolare non parla a vanvera, e quando lo fa, gli altri di solito la stanno ad ascoltare. Lasciare lo stesso status per un bel po' di tempo porta le persone a chiedersi che cosa stai facendo e ogni aggiornamento, anche il più stupido, non passerà inosservato. Facebook non va usato come Twitter, quindi per attirare al massimo la curiosità degli altri è meglio tenere il può possibile a freno la lingua.

Sei aggiornato? No. - Post, commenti, contro post e contro commenti, risultati di giochi e applicazioni in bella vista. Un profilo inondato da aggiornamenti di ogni tipo fa pensare a una persona senza una vita reale che a nessuno verrebbe in mente di invitare fuori a cena o per fare due chiacchiere. Quindi il consiglio di questa guida anticonvenzionale alla popolarità su Facebook dice di non rispondere a status, messaggi, foto e aggiornamenti altrui. Se proprio non resisti alla tentazione, non farlo come una persona normale: sii spiritoso, ironico e fai velatamente capire che non hai tempo per queste cose perché sei sempre molto impegnato.

Non collegarti - Sì, hai letto bene “non collegarti a Facebook”. Ogni tanto ovviamente fallo per vedere come vanno le cose ma soprattutto per controllare come procede il tuo indice di gradimento tra la popolazione locale regalando qualche pillola di saggezza.

28 febbraio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us