Digital Life

Facebook porterà il riconoscimento facciale per taggare le nostre foto

Il riconoscimento facciale è già sulla rampa di lancio!

Una delle feature più amate di Facebook è la gestione delle foto. Per quanto l’interfaccia sia sempre stata un po’ farraginosa, l’idea di taggare e taggarsi piace agli utenti di tutte le età. E se si caricano dozzine di immagini, pur sbuffando e borbottando molti ci si applicano con pazienza!

Facebook vorrebbe risolvere questo problema grazie ad un “pilota automatico”, un software di riconoscimento facciale che Mashable sostiene provenire in parte dall’app specializzata Face.com.L’update, in via di completamento dopo il restyling quasi completo della sezione fotografica di Facebook, si chiamerà Tag Suggestions e sarà rilasciato in America la prossima settimana. Grazie ad esso quando vi ritroverete a caricare gruppi di foto, Facebook sceglierà le inquadrature di una stessa persona sparsi per le varie immagini. A quel punto vi suggerirà di taggarle, riconoscendo in esse uno dei vostri contatti grazie ai propri algoritmi. A voi non resterà molto da fare, solo correggere i possibili errori o mancati riconoscimenti, per poi accettare o annullare l’operazione. Difficile dire quanto bene funzionerà, specie nei primi tempi. Come tutti i programmi “intelligenti” c’è da aspettarsi un periodo di rodaggio ricco di errori. Al contrario di Face.com, Facebook non ci dirà la percentuale di sicurezza dell’identificazione. Sarebbe stato un fattore interessante, ma il social network deve averlo considerato un fastidio per l’utente medio, già oberato di informazioni.

Chiaramente c’è il solito problema della riservatezza in ballo: Facebook mette già le mani avanti, offrendo di disattivare il servizio nel pannello dei vostri setting relativi alla privacy. In questo modo il volto dell'utente verrà globalmente ignorato dall'algoritmo e chi teme di vedere troppo il proprio volto in giro potrà sentirsi più al sicuro.

16 dicembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us