Facebook rifà il look al suo storico logo

Facebook è un sito “work in progress” che ci ha abituati negli anni a continue modifiche. Adesso è arrivato il momento del restyling dei loghi e non solo della storica F sostenuta da una barra “piedistallo”.

logo-facebook-prima-e-dopo
Il logo di Facebook prima e dopo il restyling |

Forse non se ve ne siete accorti, ma Facebook ha deciso di dare una rinfrescata alle sue icone principali partendo dall’ormai famigliare “F”. L’iniziale del social network più frequentato della Terra perde per strada quella barra blu pallido che le conferiva un accenno di effetto 3D. È adesso una F, come puoi vedere dall’immagine, più semplice e lineare, senza più fronzoli.

 

Icone di primavera
La F non è l’unica icona che ha attirato l’attenzione dei designer del social network di Mark Zuckerberg. Lo stesso trattamento è stato riservato ai simboli di alcune delle pagine principali di Facebook.

Navigando un po’ in giro vi accorgerete che sono cambiate anche quelli dell’area dedicata agli sviluppatori, alla Privacy, alla Sicurezza, alle Università e al Mobile (che visualizzi solo sui dispositivi portatili).

 

Gli stilisti grafici di Facebook non hanno risparmiato neanche le pagine dedicate al Non Profit, all’U.S. Government, a Facebook Live, agli Sport e ai Giornalisti.

Nuovo Look
Nei mesi scorsi è stato anche annunciato un cambio più sostanziale nel flusso delle notizie, il cosiddetto "news feed", il flusso di aggiornamenti che ogni utente riceve dai propri "amici". Facebook vuole rendere la prima pagina che l'utente apre una volta effettuato l'accesso, più rilevante, interessante da un punto di vista visivo e con varie parti correlate le une alle altre. Il nuovo look visibile nel video qui sotto è in fase di rilascio progressiva nei vari Paesi. E in Italia sarà disponibile a breve.

 

ECCO QUALCHE TRUCCO SU FACEBOOK PER TE...

 

Chi guarda il tuo profilo di Facebook? Scoprilo!

 

Fai fuori le applicazioni spione di Facebook

 

Su col morale… ecco tante emoticon per te

 

24 aprile 2013 | Silvia Ponzio