Digital Life

Facebook: negatività batte positività due a uno

Le pagine Facebook di aziende di tutto il mondo sono invase da commenti negativi, che prevalgono su quelli positivi: un trend che incide sull’immagine delle imprese, che faticano a controllare ciò che gli utenti pubblicano.

Più che animale politico, l’uomo è un animale polemico. Basta visitare la pagina Facebook di una qualunque azienda (ce ne sono più di 60 milioni sul social network) ed entrare nella sezione “post delle persone che visitano la pagina” per accorgersi che, spesso, lamentele e commenti negativi superano i feedback positivi. Una ricerca condotta da ricercatori dell’Università del Minnesota, pubblicata su Information Systems Research, evidenzia che i post negativi sono addirittura il doppio di quelli positivi, e sottolinea che sono difficilmente controllabili dalle aziende.

Negatività e commenti. Lo studio ha analizzato circa dodicimila post del 2012, pubblicati sulle pagine di 41 aziende censite da Fortune 500, di sei differenti settori industriali. Gli analisti rilevano che gli utenti sono variamente reattivi in base al contenuto dei post: «I post negativi e quelli positivi ricevono più like rispetto a quelli neutrali, e quelli negativi sono anche i più commentati», afferma Mochen Yang, uno dei ricercatori. «Tra i post negativi, le lamentele riguardo a questioni sociali ricevono più like, ma meno commenti; i più commentati sono invece i post riguardanti reclami su qualità o prezzo.»

Arma a doppio taglio. In questo caso, il social media marketing può rivelarsi un boomerang per le aziende: secondo lo studio, infatti, gli utenti di Facebook non si comportano come clienti che lasciano recensioni online. Mentre chi recensisce un prodotto lo fa cercando di informare al meglio un potenziale acquirente, fornendo dettagli specifici e informazioni utili, chi scrive i post sulla pagina Facebook di un’azienda non sempre è orientato all’acquisto, anzi, spesso ha intenti di altro tipo (per esempio, apparire). «Le aziende dovrebbero domandarsi seriamente se Facebook è il canale adatto a interagire con i clienti», afferma Yang, «e studiare apposite strategie di risposta per fare fronte ai post inutilmente negativi.»

24 settembre 2019 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us